Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Efficienza energetica: acciaio, carta, food: l’Italia taglia il 25% di bolletta petrolifera
20/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Il piano che il governo ha definito Industria 4.0 non riguarda solo le risorse messe in campo quanto piuttosto la volontà, da parte delle industrie italiane, di prendere il volo verso la rivoluzione tecnologica che sta cambiando il mondo dell’industria globale. Una rivoluzione che abbraccia un ampio ventaglio di applicazioni che vanno all’efficienza energetica, alle rinnovabili, alla lotta al cambiamento climatico. Il  cambio di mentalità è essenziale per introdurre nelle fabbriche tutte queste applicazioni anche perché il Piano Industria 4.0 non prevede una serie di investimenti a pioggia ma facilitazioni fiscali che dovranno servire per mobilitare fino a 10 miliardi di euro da parte dei privati,  per un totale di circa 30 miliardi in tre anni. Ad avallare quanto sostenuto dal ministro Calenda arriva uno studio della società di consulenza Mc Kinsey, secondo cui la rivoluzione tecnologica,  sta portando al più grande risparmio di risorse e di taglio di costi a favore delle imprese nel mondo, un efficientemente iniziato con il crollo dei prezzi delle materie prime avvenuto grazie a tre elementi: rinnovabili, efficienza energetica e lotta alle emissioni.

Fonte: La Repubblica, Affari&Finanza – Luigi Pagni (pag.24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tap, tensioni e proteste in Puglia

Nelle campagne di Melendugno, nel Salento, si è vissuta una mattinata di tensioni e di proteste, ma il massiccio dispiegamento di forze di polizia alla fine, sia pure con fatica, ha aperto un varco tra i manifestanti
[leggi tutto…]

Hera, al via primo impianto a biometano

Il primo impianto a biometano di una multiutility italiana è targato Hera. Si tratta di un investimento da 30 milioni che consentirà di produrre a Sant’Agata Bolognese 20 mila tonnellate l’anno di fertilizzante naturale
[leggi tutto…]

Pipeline bloccate in Libia. Si fermano due giacimenti

Nuove difficoltà per l’industria petrolifera in Libia. Ieri la produzione di greggio si è ridotta di un terzo e si è fermata anche l’estrazione di gas a Wafa, giacimento operato dall’Eni che rifornisce l’Italia
[leggi tutto…]