Risultati ricerca

Home Risultati ricerca

Risultati della ricerca per news internazionali

  1. Nel nome del petrolio sauditi alla conquista di raffinerie in Asia
  2. Petrolio, incontro Riad-Mosca sui tagli
  3. È un brutto momento per Riad
  4. «C’è Trump dietro il cambio di rotta sui tagli dell’Opec»
  5. «Europa più integrata contro i protezionismi»
  6. «La Russia può aumentare la produzione di petrolio»
  7. «Rivedo il petrolio a 70-80 dollari. Serve la Libia unita»
  8. “Bruxelles riveda il sistema degli Ets”
  9. “C’è troppo greggio. Ormai resta in nave ed è un rischio”
  10. “Col Tap non esagerate”: per gli esperti di Oxford il gas sarà molto più caro
  11. “Così l’Italia rischia il ruolo di hub delle forniture nel Mediterraneo”
  12. “Gazprom punta sul metano. Asse più stretto con l’Italia”
  13. “Gli Usa superpotenza del petrolio. Il gasdotto dalla Russia va ripensato”
  14. “Greggio, l’Arabia taglia i prezzi”
  15. “Il futuro è nel gas e nelle rinnovabili”
  16. “Il greggio tornerà a 80 dollari solo nel 2020”
  17. “L’Europa ha poca energia. Serve una politica comune”
  18. “L’inflazione in su con il petrolio ma fino all’estate poi prezzi in calo”
  19. “L’italiana Saipem tra i candidati per Nord Stream 2”
  20. “La Libia unita, un sogno impossibile. L’Italia punti tutto sulla Tripolitania”
  21. “La priorità per il pianeta non è la mobilità elettrica”
  22. “Lotteremo per Nord Stream 2”
  23. “Puntare su un modello ibrido elettricità-gas”
  24. “Rosneft non c’entra con la guerra”
  25. “Russia e Italia più vicine sul gas”
  26. “Saipem, la sfida è oltre il petrolio”
  27. “Saremo autonomi da Russia e Germania”
  28. “Senza tagli all’Opec il prezzo del petrolio rischia nuove cadute
  29. “Sull’energia strategia comune in Europa”
  30. “Tagliamo le emissioni” Big Oil mea culpa ma per salvare i bilanci
  31. “Tanto gas tra Egitto , Israele e Cipro l’Italia non sprechi l’occasione”
  32. "Con il Nord Stream 2 Gazprom dominante in Germania"
  33. 0,2. Sono i milioni di barili di petrolio in più offerti dai paesi produttori rispetto ad una domanda debole
  34. 0,5 milioni di barili al giorno: è il deficit di offerta di petrolio stimato dall’Aie per il secondo trimestre del 2019
  35. 10.000 morti. Il costo all’anno del “Dieselgate”
  36. 9,6% La percentuale di ricavi delle società dello S&P s 500 legate al petrolio. Wall Street trema per il calo dei prezzi
  37. A Bonatti maxi-commessa in Egitto
  38. A Engie e Vattenfall l'utility gas di Berlino
  39. A Kirkuk il crocevia del petrolio
  40. A luglio A2A dirà addio a Epcg
  41. A maggio la svolta del petrolio: produzione globale in forte calo
  42. A Parigi può scattare una nuova rivoluzione
  43. A rischio l’oil&gas dell’Emilia Romagna
  44. A Rizzani De Eccher il complesso Gazprom di Minsk
  45. A Rosneft raffineria Essar
  46. A Sherwood è corsa al gas così il fracking minaccia la quercia di Robin Hood
  47. A Snam la canadese Cubogas
  48. A Snam-Allianz il 49% del gasdotto Gca
  49. Abb, alleanza in Medio Oriente per costruire gasdotti
  50. Accordi sul gas, Gazprom paga 2,9 miliardi a Kiev
  51. Accordo di cooperazione tra Snam e PipeChina
  52. Accordo Eni-Bp in Mozambico
  53. Accordo sui tagli, vola il petrolio
  54. Accordo sul gasdotto EastMed
  55. Acer lancia consultazione su futuro del gas e regolazione
  56. Acer: “L’80% dei contratti gas scadrà entro 8 anni”
  57. Acer: “Nessun interesse del mercato per l’espansione della rete gas”
  58. Addio carbone, conto alla rovescia
  59. Adesso l’Eni scommette su Cipro
  60. Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio
  61. Ai minimi storici le scoperte di petrolio e gas
  62. Aie ottimista sulla crescita della domanda petrolifera
  63. Aie, allo studio divorzio dall'Ocse
  64. Aie, Birol cauto su nomina Tillerson
  65. Aie, frena la domanda petrolifera mondiale
  66. Aie, il risveglio della domanda oil europea
  67. Aie, mercato oil in equilibrio dal prossimo anno
  68. Aie, produzione di gennaio in calo di 1,5 mln b/g
  69. Aie, ripresa della domanda oil globale nell'ultimo trimestre 2016
  70. Aie: “Il mondo rischia di affogare nel petrolio”
  71. Aie: dai dazi Usa rischi per il petrolio
  72. AIEE, consumi di energia nel 2015 in deciso recupero
  73. Al Badri: non tutti i membri a Doha
  74. Al debutto il primo bond internazionale dell’Arabia Saudita
  75. Al Falih: nell’Opec “accordo iniziale” per prorogare i tagli
  76. Al record da 2 anni anche il Wti
  77. Al via i future cinesi sul petrolio
  78. Al via la corsa alle Ipo in Medio Oriente
  79. Algeria, accordo Eni-Sonatrach su rinnovabili
  80. Algeria, accordo Versalis-Sonatrach per complesso petrolchimico
  81. All’Opec la partita è ancora tra Iran e Arabia Saudita
  82. All’Ungheria gas via Turkish Stream
  83. Alla ricerca dello stoccaggio perfetto per decarbonizzare l’energia globale
  84. Allarme clima dalla Nasa: nel 2016 sarà caldo record
  85. Allarme uragani e Iran fanno volare il petrolio
  86. Alle banche piacciono i gasdotti
  87. Allo studio un gasdotto Sicilia-Malta
  88. Alverà (Snam) alla Ue parla di gas naturale
  89. Alverà al tavolo europeo per la riduzione delle emissioni
  90. Alverà: “Il gas è il futuro e la Snam è pronta più reti per l’Europa”
  91. Ambiente, sì di Strasburgo alla nascita di una riserva di quote di emissioni
  92. Anche Enel in corsa per Gas Natural
  93. Anche il gas rischia prezzi negativi. In vista ci sono tagli in stile Opec
  94. Anche il Kuwait taglia l’export di greggio
  95. Anche la Gran Bretagna cercherà il gas di scisti
  96. Anche sul mercato del gas arrivano i tagli di produzione
  97. Ancora in aumento la produzione Opec
  98. Ansaldo Energia, intesa con Ge
  99. Ansaldo Energia. Gara vinta. Ora parte il toto-nomine
  100. Antitrust Ue, E.On sciolta in anticipo dagli impegni sul gas
  101. Apache apre in Texas una nuova frontiera per lo shale americano
  102. Arabia contro Usa la sfida dei prezzi lascia il petrolio senza più padroni
  103. Arabia Saudita pronta a produrre di più
  104. Arabia Saudita, ambizioni e realtà
  105. Arabia Saudita, anche gli sceicchi piangono
  106. Aramco e gas liquido, si stringe l’alleanza tra Mosca e i sauditi
  107. Aramco fa incetta di gas americano
  108. Aramco in Borsa l’Arabia accelera. Vuole cavalcare i prezzi del greggio
  109. Aramco, record mondiale di utili
  110. Arrivano i Petro-bond è ressa per prestare 15 miliardi all’Arabia
  111. Asse con Trump sull’energia: lo shale oil Usa boicotta l’Opec
  112. Astana-Eni, soluzione in vista
  113. Attentato all’oleodotto libico. S’impenna il prezzo del petrolio
  114. Aumenta l’export di gas USA nella UE
  115. Aumenta lo spazio per le energie alternative
  116. Austria: Snam e Allianz entrano in Gas Connect
  117. Auto elettrica, la grande corsa e il turbo l’ha messo Pechino
  118. Avvertimento dei mercati all’Opec
  119. Azioni d’oro nero: chi brilla sui rincari di gas e greggio
  120. Balzo dei greggi, tonfo delle scorte Usa di benzina
  121. Balzo del 6% per il petrolio Si torna a credere nell’Opec
  122. Balzo dell’energia, listini industriali più caldi a gennaio
  123. Banche americane in allarme per i debiti dello shale oil
  124. Barile sempre più giù e il rialzo non è all’orizzonte
  125. Barili da Libia e Nigeria rallentano i piani Opec
  126. Barometro Aiee, novembre negativo per il greggio
  127. Basf tratta con i russi per una joint venture su petrolio e metano
  128. Basse emissioni, alti utili
  129. Bei-Cdp, 1 miliardo per l’energia
  130. Berlino avverte Mosca <<Chiarite su Navalny o fermiamo il gasdotto>>
  131. Bhp abbandona la lobby del carbone
  132. Bhp taglia la produzione di petrolio, carbone e rame ma sul ferro accelera
  133. Big oil migliora i conti ma fatica a crescere
  134. Big Oil punta sul verde caccia alla rinnovabile
  135. Big Oil, utili triplicati nel 2017
  136. Bilanci Opec in pareggio con greggio a 60 dollari
  137. Birol (lea) avverte l’Opec: i mercati petroliferi sono in zona rossa
  138. Blitz fallito, il petrolio libico resta nelle mani di Haftar
  139. Bollette alle stelle gli ucraini tagliano i consumi del gas
  140. Border tax, Ets e neutralità carbonica: le promesse di Von der Leyen
  141. Borse gas, austriaca Cegh entra in EEX
  142. Borse, la fiammata del petrolio frena il calo
  143. Bp raddoppia gli utili e annuncia un buyback
  144. Bp, sale ancora il conto per Deepwater Horizon
  145. Braccio di ferro Eni-Exxon sul gas
  146. Brasile, maxi centrale da 1,5 GW più nave Gnl
  147. Brasile, Temer vacilla ma Petrobras fa record
  148. Brent ancora giù verso quota 75$
  149. Brent in calo. Si allineano i prezzi di benzina e gasolio nel Mediterraneo
  150. Brent sopra 50 dollari L’Opec taglia l’export, shale oil col fiato corto
  151. Brent verso 80 dollari, Wti al palo
  152. Brucia in piazza il tricolore. E’ la Libia a farci la guerra
  153. Brutte notizie dalla Libia
  154. Bruxelles chiede di più a Gazprom
  155. Bruxelles punta a trattare coi russi su Nord Stream 2
  156. C’è troppo shale oil: a picco le quotazioni del petrolio Usa
  157. C’è un’idea da 2 miliardi: scorporare il gas di famiglia
  158. Calenda: il Tap è strategico per l’Italia
  159. Cao:”Guardiamo a decisioni Trump su Iran. Quattro miliardi di ordini, il trend va avanti”
  160. Caracas a picco, big oil in allarme
  161. Caracas rilancia con Eni&co
  162. Caracas si tiene stretti Eni & Co
  163. Carbon tax equa e sostenibile: il cantiere è aperto
  164. Carbone auf Wiedersehen, svolta verde in Germania
  165. Carbone e trivelle. La ricetta per ricreare i posti di lavoro persi
  166. Carbone Usa alla resa dei conti. Rischia di saltare il gigante Peabody
  167. Carbone, “la Cina annulla gli sforzi mondiali”
  168. Carbone, da malato terminale a hot commodity
  169. Carbone, il Far East traina la domanda
  170. Caso Eni-Saipem, Erdogan avverte “Non dovete superare i limiti”
  171. Causa in Kazakhstan per Eni e Shell
  172. Ceer-Acer, le raccomandazioni per la nuova legislazione gas
  173. Centrica-Bayerngas per petrolio in Ue
  174. Chevron, il ceo John Watson pronto all’addio
  175. Chi può correre ancora dopo la riscossa del barile
  176. Chi vince e chi perde con il Green New Deal
  177. Ci vuole la Carbon Tax
  178. Cina lancerà futures greggio in yuan
  179. Cina, esplode petroliera “Contiene combustibile più dannoso del greggio”
  180. Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”
  181. Cipro pronto a esportare gas attraverso l’Egitto
  182. Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra
  183. Cipro, quel tesoro in fondo all’Egeo che minaccia l’egemonia di Erdogan
  184. Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante
  185. Clô, tutti i guai per l'Italia a seguito del Nord Stream 2
  186. Clausola flessibilità, Roma e Ue al lavoro. Il Mef spinge piano Juncker e misure Pmi
  187. Clima, 19 Grandi contro gli Stati Uniti “Gli accordi firmati sono irreversibili”
  188. Clima, a Parigi l’accordo del secolo “Il mondo si è rimesso in marcia”
  189. Clima, ecco chi vince e chi perde
  190. Clima, Fmi: puntare su politiche fiscali
  191. Clima, Usa e Ue restano divisi, l’Italia media
  192. Cnooc, primo rosso dall’Ipo del 2000
  193. CO2, emissioni Ue da usi energetici -0,4% nel 2016
  194. CO2, Exxon respinge le richieste degli investitori
  195. CO2, gli Stati Uniti guidano il calo delle emissioni (grazie allo shale). Calo anche in Cina, grazie al passaggio al gas nel residenziale. Nel Regno Unito gas più economico del carbone anche grazie al prezzo floor della CO2
  196. CO2, il balzo dei prezzi dei permessi di emissione nel 2019
  197. CO2, Sorgenia: Ccgt italiani pronti a sostituire il carbone in Europa
  198. Col gas che va a picco Gazprom accelera su Nord Stream 2
  199. Col petrolio sopra 70 $ Eni può aumentare la cedola
  200. Colpo di scena in Arabia Saudita
  201. Come cambiano i nuovi equilibri Opec
  202. Come il gas statunitense può cambiare gli scenari
  203. Compagnie petrolifere meno protette dai ribassi
  204. Con i prezzi in ripresa lo shale oil rialza la testa
  205. Con il petrolio a 60 dollari Opec più esitante sui tagli
  206. Con il petrolio più caro Exxon e Chevron fanno il pieno di utili
  207. Con le navi del metano l’Italia darà più gas
  208. Con le sanzioni petrolio a rischio volatilità
  209. Con le sanzioni petrolio a rischio volatilità
  210. Consumi petroliferi: +7,2% a febbraio
  211. Consumo di gas sale del 3,7%
  212. Conte: valuteremo le criticità del progetto Tap
  213. Continua il rally del petrolio, Brent verso i 55 dollari
  214. Conto alla rovescia per il Gnl americano
  215. Contratti da 727 mln € per Saipem
  216. Contratto in Arabia per Saipem
  217. COP21, Descalzi: regole su emissioni uguali per tutti
  218. COP21, l'incognita dei paesi petroliferi
  219. Cop21, Renzi e Galletti a New York per la firma
  220. Corridoio Sud del gas, "ora focus sui Balcani"
  221. Corsa a sette per Gas Natural
  222. Corsa all’idrogeno: scatta la nuova sfida tra i big del petrolio
  223. Così Big Oil ridisegna le frontiere dell’energia
  224. Così cambierà la «gas-politik» del Mediterraneo meridionale
  225. Così Teheran rassicura Eni & Co
  226. Costo del debito alle stelle per le società dello shale oil
  227. Cresce la tensione in Siria, sale il prezzo del barile
  228. Crisi alle spalle per Rio Tinto che ritorna in utile
  229. Crisi climatica, un allarme insufficiente
  230. Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili
  231. Crisi o no, è la Lettonia a mandare il gas che scalda Pietroburgo
  232. Crolla la produzione di petrolio del Venezuela
  233. Crollano gli utili Shell, Conoco in rosso
  234. Crollano i prezzi del petrolio
  235. Crollano le scorte Usa e il petrolio riconquista quota 50 dollari
  236. Crollo dei prezzi e zero stoccaggi Big Oil chiude i pozzi di petrolio
  237. Da Bei 100 mln ad A2A
  238. Da Big oil a “petrostati”, cresce il problema debiti
  239. Da big oil un miliardo per ridurre le emissioni
  240. Da politica e clima i rischi per la ripresa
  241. Dal clima alla ricerca le dieci pagelle per i Paesi del G7
  242. Dal G20 spinta ad una maggiore collaborazione nel campo dell'energia
  243. Dalla Bei 1,5 miliardi al gasdotto Tap
  244. Dalla Cina un miliardo all’Enel
  245. Dalla Libia alla Turchia la sfida per il controllo del Mediterraneo
  246. Dalla Norvegia alla Russia tutti i guai dei “petrol-Stati”
  247. Dalla raffineria in Oman alle perforazioni in Norvegia al gruppo commesse miliardarie nei primi mesi 2018
  248. Dalla Tesla la prossima crisi dell’oro nero
  249. Delusione delle imprese: “Si poteva fare di più”
  250. Descalzi (Eni): ecco il patto per il clima, così l’accordo tra dieci compagnie
  251. Descalzi incontra il premier algerino Abdelmalek Sellal
  252. Descalzi incontra il presidente del Messico
  253. Descalzi incontra Lourenço, nuovo presidente Angola
  254. Descalzi, convergenza su hub del gas in Mediterraneo
  255. Descalzi: “Connettere reti Ue per aumentare la sicurezza energetica”
  256. Descalzi: “Eni target? Siamo inaccessibili. In Libia c’è stato cambiamento positivo”
  257. Descalzi: “Il Cairo autosufficiente. Vantaggi anche per l’Italia”
  258. Descalzi: Africa più forte con l’accesso all’energia. Italia ponte di sviluppo
  259. Descalzi: gas più caro in Sud Europa con il gasdotto Nord Stream II
  260. Descalzi: i prezzi del petrolio? Le rinnovabili non c’entrano, è la debolezza dell’Opec
  261. Deutsche Bank, stop a nuovi finanziamenti nel carbone
  262. Dieselgate, stop svizzero alle Porsche Cayenne
  263. Direttiva gas anche per Nord Stream 2
  264. Direttiva gas, Consiglio riceve mandato per il trilogo
  265. Direttiva gas, Corte Ue respinge i ricorsi di Nord Stream
  266. Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi
  267. Disputa su Karachaganak. Astana pronta all’arbitrato
  268. Doha mantiene l’accordo con l’Opec sul petrolio
  269. Dollaro sempre più debole sui mercati, si rafforza il petrolio
  270. Domanda di benzina da record negli Usa
  271. Domanda di petrolio in crescita
  272. Dopo i “tweet” di Donald Trump l’Iran apre la crisi Opec
  273. Dopo quattro anni riparte il dialogo con Mosca
  274. Doppio gioco della Merkel coi russi
  275. Doppio traguardo produttivo in Egitto. Oggi il gruppo svela il piano 2018-2021
  276. Duro colpo ai piani energetici
  277. E il petrolio raggiunge i massimi da tre anni
  278. E l’avanzata delle rinnovabili non si ferma
  279. E ora anche Merkel mette in discussione Nord Stream 2
  280. E per l’oro e il petrolio prospettive positive
  281. E’ l’Europa il terreno della sfida petrolifera tra sauditi e russi
  282. E.On rinegozia con Gazprom, rivede al rialzo previsioni
  283. Ecco che cosa cambia per l’Italia. Green economy pronta al decollo
  284. Ecco le cessioni di Descalzi
  285. Ecco quali sono le nuove strade del gas
  286. Edison cerca un partner per i giacimenti di gas
  287. Edison e 2i Rete Gas in pole per gli asset di Gas Natural
  288. Edison e Gazprom, l’incontro per sviluppare il corridoio sud
  289. Edison firma accordi per il gasdotto Igb
  290. Edison non vuol più estrarre gas
  291. Edison prenota gas “made in Usa”
  292. Edison vuole investire in Italia. Non escluso il ritorno in Borsa
  293. Edison, Benayoun: gas combustibile di transizione
  294. Edison, parla Benayoun: “Più gas al Sud, l’Italia cuore della strategia europea di Edf”
  295. Effetto Eni sui giacimenti egiziani
  296. Effetto Harvey sui carburanti
  297. Effetto Iran, petrolio oltre 77$
  298. Effetto shock sul petrolio: il barile vola del 14%
  299. Effetto Trump, il greggio prova l’arrampicata sulla vetta « 100 dollari »
  300. Efficienza energetica ad alta intensità
  301. Egitto stima in 800 mln $ costo di un gasdotto con Cipro
  302. Egitto, “decaduto” l’accordo per il Gnl di Damietta
  303. Egitto, aumenta il prezzo del gas pagato a Eni ed Edison
  304. Egitto, Eni ed Edison vincono gare esplorazione gas
  305. Eia: nel 2017 rialzo di produzione Usa
  306. Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre
  307. Elettricità, petrolio, gas e aeroporti la crescita del Brasile si affida ai privati
  308. Emergenza petrolio anche in Libia ma l’Opec fatica a trovate l’intesa
  309. Emergono divisioni all’interno dell’Opec
  310. Emissioni CO2, l’Europarlamento vota un taglio più ambizioso
  311. Emissioni zero, economia circolare le imprese alla sfida del post Covid
  312. Emissioni, i limiti per gli impianti tra 1 e 50 MW
  313. Emissioni, meglio tassarle alle frontiere
  314. Enel chiude il cerchio sull’americana EnerNoc
  315. Enel ed E.On si scambiano l’energia digitale
  316. Enel Gp, impianto da 367 mln
  317. Enel sbarca a Wall Street nell’era di Trump
  318. Enel, siglato accordo di tax equity in America
  319. Energen, il 4-5% a Elliott
  320. Energia e imprese, un taglio alle tariffe per la svolta green
  321. Energia e Medio Oriente, intesa tra Italia e Israele
  322. Energia in borsa, meglio fossile o green?
  323. Energia pulita, Ue a caccia di progetti
  324. Energia, a sorpresa torna il carbone
  325. Energia, alleanza tra russi e cinesi Cefc in Rosneft
  326. Energia, Donald vuole fermare Putin. E punta sul gasdotto Caucaso – Italia
  327. Energia, export e hi tech: l’asse Europa-Asia. “Ma le imprese Ue hanno perso posizioni”
  328. Energia, i nodi da sciogliere per Trump
  329. Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050
  330. Energia, l’Italia guadagna posizioni
  331. Energia, la Ue e i 7 superprogetti
  332. Energia, negoziare con la Ue ma valorizziamo i successi
  333. Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas
  334. Energia. In borsa ora si va a corrente alternata
  335. Energivori, Enea: situazione peggiorata nell'ultimo decennio
  336. Energivori, si sbloccano 1,2 miliardi
  337. Engie Italia guarda agli asset del gas di Eni
  338. Eni
  339. Eni
  340. Eni & Co, al via maxi-gara in Iran
  341. Eni è pronta a scommettere sulla Basilicata
  342. Eni è pronta a tornare in Iran
  343. Eni accende pozzi in Ghana “Tempi record”
  344. Eni affianca di nuovo Bp nel gas egiziano
  345. Eni al test finale per l’avvio di Zohr in Egitto
  346. Eni ancora più forte in Messico
  347. Eni avanza ancora nel gas libico
  348. Eni avvia giacimenti di Sanfoka in Ghana
  349. Eni avvia il maxi-giacimento di Zohr
  350. Eni avvia in anticipo il campo Cabaça South East in Angola
  351. Eni avvia la produzione di Perla
  352. Eni avvia lo sviluppo di Zohr
  353. Eni avvia nuovi pozzi nell’offshore in Libia
  354. Eni cede a Bp il 10% di Zohr
  355. Eni cede quota Mozambico a ExxonMobil
  356. Eni cerca giacimenti in Bahrein
  357. Eni cerca la pace Cnpc-Exxon
  358. Eni compra gli asset di Exxon in Norvegia per 4,5 miliardi di $
  359. Eni con Samsung in Mozambico
  360. Eni conferma avvio giacimento Zohr entro l’anno
  361. Eni conferma la road map del progetto Octp in Ghana
  362. Eni e Gazprom Accordo sul gas
  363. Eni e Shell pronte a tornare in iran
  364. Eni e Sonatrach ampliano accordi
  365. Eni e Ue, convergenza di interessi
  366. Eni entra nell’upstream dell’Oman e si aggiudica con Oocep il blocco 52
  367. Eni esce dall’upstream croato e cede il 10% di Shorouk
  368. Eni fa doppietta in Costa d’Avorio
  369. Eni fa doppietta in Norvegia
  370. Eni firma accordo in Tunisia
  371. Eni ha quattro fronti aperti che possono scaldare i titoli
  372. Eni in Ghana, piattaforma pronta a salpare
  373. Eni investirà 20 miliardi in Africa
  374. Eni lancia la sfida nell’Artico
  375. Eni mette il turbo sul Nilo
  376. Eni migliore compagnia nell’esplorazione del 2015
  377. Eni nell’Artico, payback in 5 anni
  378. Eni non ha paura del minibarile
  379. Eni offre capacità di trasporto gas su Transitgas
  380. Eni perfora con successo il primo pozzo in Messico
  381. Eni più forte nel Mediterraneo: scoperta “promettente” a Cipro
  382. Eni porta Golia nel polo artico
  383. Eni prima major a sbarcare in Messico
  384. Eni pronta a rivedere i piani in Nigeria
  385. Eni prova a ripartire nell’Artico
  386. Eni rafforza la cooperazione con il colosso cinese Cnpc
  387. Eni rafforza la partnership con Sonangol
  388. Eni rafforza partnership con Sonatrach in Algeria
  389. Eni resiste alla crisi del greggio puntando sui nuovi giacimenti
  390. Eni riaccende le trivelle in Tunisia
  391. Eni riconquista rating A- di S&P. Descalzi: "particolarmente soddisfatto di questo riconoscimento"
  392. Eni rinnova la World Oil and Gas Review
  393. Eni riprende a esplorare l’Artico
  394. Eni rivuole il giacimento nigeriano
  395. Eni scommette su gas e rinnovabili in Ghana
  396. Eni scopre in Norvegia pozzo da 50 milioni di barili
  397. Eni scopre un giacimento di gas nel delta del Niger
  398. Eni si aggiudica diritti esplorativi in Libano
  399. Eni si aggiudica due nuovi blocchi nell’offshore di Cipro
  400. Eni si rafforza in Russia
  401. Eni si rafforza nell’Indonesia
  402. Eni sigla accordo in Croazia
  403. Eni sonda le banche per miliardi di dollari su giacimento Mozambico
  404. Eni sperimenta pozzo in Messico
  405. Eni studia un colpo da 1,3 miliardi nei pozzi di Abu Dhabi
  406. Eni svaluta gli asset in Venezuela
  407. Eni svaluta il barile venezuelano
  408. Eni tratta con Lukoil per il gas in Egitto
  409. Eni tratta sui crediti con Caracas
  410. Eni trova accordo su giacimenti in Marocco
  411. Eni trova un alleato in Norvegia
  412. Eni vende a Bp tutto il gas dell’Area 4 in Mozambico
  413. Eni verso i massimi storici
  414. Eni vince gara di Gnl in Pakistan
  415. Eni&C, 39 mln$ in Mozambico
  416. Eni&Co, major in gara in Iran
  417. Eni, 32 miliardi di investimenti. Più Egitto e Asia, meno Libia
  418. Eni, accordo per cedere a Bp il 10% del mega giacimento Zohr
  419. Eni, accordo per vendere Gnl in Indonesia
  420. Eni, al rialzo potenziale a gas nel delta del Nilo
  421. Eni, al via il progetto Mozambico
  422. Eni, al via la prima spedizione di Gnl dal campo di Jangkrik
  423. Eni, altri 4 mld da cessioni E&P
  424. Eni, altro oil&gas in Norvegia
  425. Eni, approvato il piano di sviluppo di Coral
  426. Eni, attacco a gasdotto nel Delta del Niger
  427. Eni, avvio record in Mozambico
  428. Eni, chiusa l'indagine sulla Nigeria
  429. Eni, colloqui per vendita 20% Zohr
  430. Eni, colloqui per vendita 20% Zohr
  431. Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc
  432. Eni, Descalzi in Israele per hub regionale del gas
  433. Eni, Descalzi presenta ad Al-Sisi progetto per Zohr
  434. Eni, doppia conferma dall’Egitto
  435. Eni, Enel, Snam: aziende in fila per il bilaterale con la Russia
  436. Eni, Exxon rifà i conti sul gas
  437. Eni, forte crescita della produzione
  438. Eni, gas al Mozambico
  439. Eni, il Mozambico tifa per Exxon
  440. Eni, in 6 mesi al top in Kashagan
  441. Eni, investire di più in Africa
  442. Eni, Kashagan verso la riapertura
  443. Eni, l’Egitto paga pronta cassa
  444. Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici
  445. Eni, la carta delle scoperte e del controllo dei costi Le sfide di Descalzi bis
  446. Eni, la nave Saipem lascia Cipro
  447. Eni, Maputo cerca fondi per il gas
  448. Eni, Maputo schiera la sua banca
  449. Eni, nuova licenza esplorativa in Ghana
  450. Eni, nuova scoperta gas in Egitto
  451. Eni, nuovo summit in Egitto
  452. Eni, otto mesi per pagare Astana
  453. Eni, parte il giacimento Goliat Si estrarrà petrolio dall’Artico
  454. Eni, partono le trattative per le cessioni
  455. Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta
  456. Eni, Pistelli: al via in gennaio operazioni in giacimento egiziano
  457. Eni, pronti 4,7 miliardi in Mozambico
  458. Eni, scoperta di gas nel delta del Nilo
  459. Eni, secondo pozzo a Zohr entro aprile
  460. Eni, svolta in Vietnam: il gas c’è davvero
  461. Eni, un successo la prima prova di produzione in Egitto
  462. Eni, via all’offensiva in Francia: punta al raddoppio dei ricavi
  463. Eni, via libera dagli Usa per esplorazione in Alaska
  464. Eni, via libera dell’Antitrust Ue alla cessione Saipem
  465. Eni-Astana ai supplementari
  466. Eni-Exxon, è fatta in Mozambico
  467. Eni-Exxon, closing a settembre
  468. Eni-Exxon, gode il Mozambico
  469. Eni-Gazprom, Descalzi a San Pietroburgo a parlare di Corridoio Sud
  470. Eni. Il gruppo avanza nell’offshore del paese e conquista un nuovo blocco esplorativo
  471. Eni. Rileva asset Total e cresce a Cipro
  472. Eni/Shell, revocata la confisca del giacimento in Nigeria
  473. Eni: “Non consideriamo l’ingresso nel Nord Stream”
  474. Eni: “Partner in Egitto? Non è la priorità”
  475. Eni: nel Mar Nero pur nel rispetto delle sanzioni Usa
  476. Eni: prima produzione Zohr nel 2017
  477. Eni: pronti ad avviare il maxi giacimento Goliat
  478. Entro due anni cessione shale oil
  479. Erg, F2i-Enel e Tages sul solare di ForVei
  480. Esplode il debito delle Big Oil
  481. Esplode l’hub del gas. Si ferma l’import. Giornata d’emergenza
  482. Esso vende all’Algeria la raffineria di Augusta
  483. Ets, assegnazioni gratuite nel mirino
  484. Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”
  485. Ets, Corte Ue invalida quote gratuite 2013-2020
  486. Ets, le dure critiche della Corte dei Conti Ue
  487. Eurogas, domanda Ue torna a crescere dopo 4 anni
  488. Eurogas, gas meglio di elettrificazione per ridurre emissioni
  489. Europa sempre più divisa su Nord Stream 2
  490. Europa verde al via con 7,5 miliardi
  491. Eurostat, nuovo regolamento su prezzi gas ed elettricità
  492. Export petrolifero in Cina La Russia davanti all’Arabia
  493. Exxon delude: titolo ai minimi da un anno
  494. Exxon Mobil, shopping da Eni
  495. Exxon taglia le collaborazioni con Rosneft
  496. ExxonMobil rilancia gli investimenti negli Stati Uniti
  497. ExxonMobil, maxi scoperta di gas al largo di Cipro
  498. Fca: “Sul dieselgate sempre collaborato con le indagini”
  499. Fiammata del petrolio oltre 80 dollari al barile. Consumatori in allarme
  500. Fiat Chrysler, offerta a ostacoli di Geely. Marchionne lavora al piano per il 2018
  501. Fitch avverte: possibili cali per i profitti delle major
  502. Fondi in manovra sul greggio: petrolio ai minimi da tre mesi
  503. Forniture a singhiozzo: il prezzo del gas alle stelle
  504. Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia
  505. Forte calo delle scorte Usa
  506. Francia, “stop a nuovi permessi upstream”
  507. Francia, gli oneri sulle bollette crescono dell’11%
  508. Francia, moratoria su ricerche in Mediterraneo
  509. Francia, retromarcia di Macron su phase out carbone
  510. Francia, Snam studia l’energia rinnovabile per la rete del gas
  511. Freddo, balzo consumi gas in tutta Europa
  512. Fregate di Roma e Parigi per difendere il gas dalle mire di Erdogan
  513. Frena il commercio di carbone
  514. Frenano petrolio e Cina, borse giù
  515. Fronte Opec più compatto in vista di Algeri
  516. FT mette in guardia dall'oil supply shock
  517. G20, Bellanova: puntare sul gas per favorire la decarbonizzazione
  518. G7 Energia, la dichiarazione finale
  519. Gas Algeria, Ttpc introdurrà prodotti di capacità inferiori a un anno
  520. Gas americano diretto alla Cina
  521. Gas autotrazione, accordo Engie-FCA-Iveco
  522. Gas Connect Austria, parte la vendita OMV: Gazprom non è interessata
  523. Gas dalla Russia Naftogaz si rivolge a Bruxelles e rilancia l’allarme sull’Ucraina
  524. Gas for climate, serve target 10% di green gas al 2030
  525. Gas lanciato verso prezzi negativi in Europa, il Qatar sfida gli altri fornitori
  526. Gas Libia, flussi ancora fermi. Indiscrezioni avevano parlato di una ripresa il 5 maggio
  527. Gas liquido, il Qatar sfida gli Stati Uniti
  528. Gas Mediterraneo, al via la produzione di Leviathan
  529. Gas Natural chiude la cessione degli asset in Italia a Edison e 2i
  530. Gas Natural chiude la gara con vista sulle liberalizzazioni
  531. Gas Natural investirà 1,7 miliardi
  532. Gas Natural studia vendita delle attività italiane
  533. Gas Natural, almeno 6 in gara per asset italiani
  534. Gas Natural, per gli asset italiani gara a due tra Edison ed Engie Italia
  535. Gas Natural, sì del cda alla vendita a Edison e 2i Rete Gas
  536. Gas Natural, sfida a cinque tra i big dell’energia
  537. Gas Natural, su vendita Italia verso spezzatino rete-clienti
  538. Gas record da un anno, ma il boom di offerta può frenare i prezzi
  539. Gas rinnovabile al centro della strategia di Snam
  540. Gas russo vincente sul mercato europeo con il grande freddo
  541. Gas sempre più caro in Europa e Asia. Esportazioni Usa al record storico
  542. Gas, 2019 un anno in movimento
  543. Gas, Acer: costi di approvvigionamento -3 €/MWh nel 2019
  544. Gas, Algeria firma contratti con Spagna e Eni
  545. Gas, all’Arzebaijan prestiti per 500 mln
  546. Gas, anche i sauditi puntano sullo shale
  547. Gas, ancora fumata nera tra Mosca e Kiev
  548. Gas, banche, calcio, Al Jazeera ecco il “soft power” di Doha
  549. Gas, Confindustria partecipa a consultazione Francia: "no a sovranismo tariffario"
  550. Gas, congestioni contrattuali in aumento nel 2019
  551. Gas, dagli scarti nasce un tesoro, il rinnovabile fa bene e conviene
  552. Gas, Engie rinegozia con Gazprom
  553. Gas, Europe Energy entra in Cegh
  554. Gas, Francia e gelo trainano i consumi italiani: +22%
  555. Gas, Goldman Sachs primo trader in Nord America
  556. Gas, i segnali di Mosca all'Italia
  557. Gas, il Tap ridurrà lo spread Italia-Ue (danneggiando l'Eni)
  558. Gas, intesa Russia-Ucraina per l'inverno
  559. Gas, Italia alla finestra nella disputa Mosca-Kiev
  560. Gas, l'Egitto lancia la sfida
  561. Gas, l'Iran punta a rimpiazzare la Russia
  562. Gas, l'Ucraina taglia le importazioni dalla Russia
  563. Gas, l’Italia sbarca nel Golfo e sfida Parigi. L’accordo con Abu Dhabi guarda alla Libia
  564. Gas, la direttiva Ue in Gazzetta
  565. Gas, la Francia dà il via all'investimento nel reverse flow dall'Italia
  566. Gas, lo sbarco degli americani accende il mercato europeo
  567. Gas, micro-terremoti e case che crollano nelle terre strappate al mare del Nord
  568. Gas, nasce il forum del Mediterraneo orientale
  569. Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria
  570. Gas, per Groningen possibile nuovo taglio produzione a 24 mld mc
  571. Gas, Poletti: perché è importante rispondere alla consultazione Acer
  572. Gas, Putin apre all’Italia in Nord Stream 2
  573. Gas, Putin guarda al Tap per bypassare l’Europa
  574. Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin
  575. Gas, servono più stoccaggi in Europa
  576. Gas, Svizzera pubblica piano d'emergenza
  577. Gas, Todde (Mise): ruolo essenziale del Corridoio Sud
  578. Gas, tornano i flussi dalla Libia
  579. Gas. Tribunale limita output a Groningen
  580. Gas: Aliyev, Snam in Tap? Penso di sì
  581. Gas: in Cina atteso boom di cicli combinati nei prossimi 5 anni
  582. Gasdotti e miniere. Pechino apre il mercato
  583. Gasdotti Ue, da novembre capacità NET4GAS su Prisma
  584. Gasdotti Ue: due lettere da Weber (Ppe) e Pittella (Pd) danno il via al bombardamento politico contro il Nord Stream 2
  585. Gasdotti, commessa per Bonatti in Germania
  586. Gasdotti, intesa sui controlli preventivi Ue
  587. Gasdotti, parte gara da 2,4 mld € per EastMed
  588. Gasdotti, Saipem in corsa per il Grecia-Bulgaria
  589. Gasdotto EastMed: incontro a Bruxelles tra Italia, Israele, Grecia e Cipro
  590. Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera
  591. Gasdotto Italia-Malta, via ai lavori nel 2022
  592. Gasdotto Nord Stream, Renzi gela Putin: “L’Italia non perde la faccia per due tubi”
  593. Gasdotto russo verso l’Europa
  594. Gasdotto Spagna-Francia, martedì l'accordo
  595. Gasolio, il fisco più caro della Ue
  596. Gazprom al «tocco finale» per l’accordo con Bruxelles
  597. Gazprom al record nel 2017 l’export di gas
  598. Gazprom assegna 2 mld mc nella terza asta
  599. Gazprom assegna 75% volumi nelle aste per i Paesi Baltici
  600. Gazprom aumenta le sue esportazioni verso l’Europa
  601. Gazprom aumenta le vendite all’estero: Regno Unito al primo posto
  602. Gazprom batte cassa per Nord Stream 2
  603. Gazprom chiede i danni a Saipem: 541 milioni
  604. Gazprom completa prima linea TurkStream
  605. Gazprom cresce in Cina e prepara la conquista del Sud America
  606. Gazprom dà il via libera alle aste di gas
  607. Gazprom guarda a Cina e Sud America
  608. Gazprom mette all’asta il gas
  609. Gazprom perfezionato l'asset swap con Basf
  610. Gazprom potrà fornire più gas via Germania
  611. Gazprom torna a puntare sul mercato europeo
  612. Gazprom, dal 15 marzo le aste per 560 mln mc ai Paesi Baltici
  613. Gazprom, export in Ue +17,9% nel 2016
  614. Gazprom, export record verso l’Ue
  615. Gazprom, gli utili crollano dell’80%
  616. Gazprom, in calo le vendite di gas
  617. Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%
  618. Gazprom, nuovo tubo da Yamal
  619. Gazprom, record per l'export in Europa
  620. Gazprom-Ue Controversia risolta
  621. Gazprom-Ue verso intesa
  622. Gazprom. Vendite da record. Utili +21% nel 2016
  623. Gazprom: “Italia punto di riferimento per la mobilità a gas”
  624. Gazprom: nella nuova asta anche il confine italiano
  625. Gazprom: rinvio per TurkStream, nuova asta entro l'anno
  626. Ge conferma investimenti per 500 milioni
  627. General Electric a dieta: via 20 miliardi di asset
  628. Gentiloni: azeri fiduciosi su Tap, Italia nel “gas to plastic”
  629. Geopolitica, scorte e Fed rilanciano il petrolio
  630. Germania e Stati Uniti in cerca di soluzioni sul nodo Nord Stream
  631. Germania, il dieselgate nell’urna
  632. Germania, nel 2016 domanda gas +10%
  633. Germania-Usa, scontro su Nord Stream 2
  634. Gestori e analisti vedono un rialzo del petrolio
  635. Giordania pronta a intesa con Gazprom
  636. Giordania pronta a intesa con Gazprom
  637. Glencore si espande in Sudafrica
  638. Gli eccessi dello shale oil nel mirino di fonti attivisti
  639. Gli hedge fund puntano sul gasolio
  640. Gli Usa all’Europa “No al gas russo, compratelo da noi”
  641. Gli Usa all’Italia: “Portate avanti il progetto del gasdotto Tap”
  642. Gli Usa attivano altre trivelle
  643. Gli Usa dello shale oil riattivano altre trivelle
  644. Gnl navi, Rina inaugura il Gas Centre of Excellence ad Atene
  645. Gnl Pakistan, Eni e Petronas in pole position
  646. Gnl, “un surplus da 283 mld $”
  647. GNL, accordo ventennale Qatargas-PetroChina
  648. Gnl, gli Usa fermano 3 impianti di liquefazione per uragano
  649. Gnl, il Pacifico supera il Medio Oriente
  650. Gnl, Qatar interessato a terminal in Germania
  651. Goldman perde 85 mln nel gas
  652. Goldman Sachs e quell’”aiuto” al gigante petrolifero
  653. Grandi investimenti frenati dai colpi di testa nelle regole
  654. Green Network nella short list per Gas Natural
  655. Green new deal, la Speranza per il futuro
  656. Green Power esce del Portogallo
  657. Greggi ai massimi da novembre
  658. Greggi ancora in calo. A New York calano le scommesse al rialzo
  659. Greggi e prodotti in calo. Si ferma la corsa dei prezzi d'acquisto
  660. Greggi e prodotti in forte calo. Giù l'extra-rete in ordine sparso
  661. Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità
  662. Greggi in calo dopo aumento scorte in Usa. Andamento dei prezzi petroliferi sul mercato internazionale
  663. Greggi in calo. Per BP quota 100 non tornerà mai più
  664. Greggi in forte calo dopo Brexit
  665. Greggi in leggero aumento. Rallenta la domanda asiatica
  666. Greggio a 30 dollari, -10% in due giorni
  667. Greggio in calo, si gonfia la speculazione al rialzo a New York
  668. Greggio volatile, l’accordo non convince
  669. Greggio, estrazioni da primato per la Russia
  670. Greggio, Mosca apre ai tagli
  671. Greggio, oltre alle divisioni Opec c’è da valutare l’incognita Usa
  672. Greggio, sui tagli niente intesa
  673. Guerra aperta fra Trump e Opec
  674. Guerra del gas e Ue: comandano gli Usa
  675. Guerra del gas: Gazprom blocca le forniture a Kiev. Rischia anche l’Ue
  676. Guidi, importante lo sviluppo Gnl nel Mediterraneo
  677. Guidi-Cañete su infrazioni e infrastrutture Gnl, a dicembre la Strategia europea
  678. Guidi: “Il Nord Stream 2 conviene solo a Berlino”
  679. Halliburton. Prevede frenata shale e crolla in Borsa: - 8%
  680. Hi-tech e nuovi mercati spingono il gas naturale così supererà il carbone
  681. I big del gas liquefatto aprono a contratti più flessibili
  682. I big del petrolio al test dei 70 dollari
  683. I consumi e l’Opec spingono la rimonta del petrolio
  684. I conti Erg oltre le attese. E il titolo balza a +2,20%
  685. I cowboy battono i sauditi nell’ultima sfida sull’oro nero
  686. I fondi liquidano e petrolio crolla del 5%
  687. I fondi spingono la CO2 a 40€. Per la Ue è difficile intervenire
  688. I francesi si battono ancora contro l’Eni
  689. I giganti dell’oil&gas
  690. I prezzi bassi del petrolio di oggi rischiano di costarci cari domani
  691. I prezzi e la guerra dei dazi frenano la domanda di petrolio
  692. I private equity si rifanno avanti per la divisione retail gas di Eni
  693. I progetti europei possono integrare i mercati più isolati
  694. I russi di Gazprom studiano accordi con Snam sul gas
  695. I sauditi aumenteranno la produzione, ma il prezzo del petrolio non cala
  696. I sequestri dei creditori mettono a rischio il petrolio dal Venezuela
  697. I soci Tap i pressing su Di Maio
  698. I tagli delle petrolifere e delle minerarie pesano sull’economia
  699. I tagli Opec ora si estendono anche all’export di petrolio
  700. I venti di guerra in Siria spingono in alto oro e petrolio
  701. Idrogeno rinnovabile, sfida competitività
  702. Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni
  703. Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE
  704. Idrogeno, Thyssenkrupp sviluppa nuovi impianti
  705. Il barile a 50$ e la possibile staffetta Opec – shale oil
  706. Il barile petrolio in crescita ad agosto Ma il rialzo non basta alla ripresa delle aziende di settore
  707. Il barile soffrirà a lungo di una crisi d’abbondanza Per svegliare l’inflazione occorre puntare altrove
  708. Il barile? Può cadere a 20 dollari
  709. Il big oil taglia le esplorazioni
  710. Il boom di consumi spinge i prezzi del Gnl ma l’offerta cresce di più
  711. Il Brent ai minimi da novembre (poi recupera)
  712. Il Brent balza del 4%e riconquista quota 50$
  713. Il Brent sfiora i 78 dollari. E anche il dollaro sale
  714. Il Brent torna a sfiorare 75 dollari
  715. Il Brent torna sotto 50 dollari
  716. Il caos libico minaccia ancora Eni
  717. Il ceo di Lakatos rileva il gruppo energetico Met
  718. Il ceo: in Libia potremmo raddoppiare produzione
  719. Il conto di Kashagan a Eni & Co
  720. Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale
  721. Il crollo del petrolio al centro del G20. Trump punta sull’accordo con i sauditi
  722. Il crollo del petrolio spinge il Canada verso tagli alla Opec
  723. Il destino incerto del mega giacimento sempre più conteso
  724. Il dialogo Mosca-Riad: riassetti regionali o nuova regia sui prezzi del petrolio?
  725. Il dieselgate un danno alla credibilità
  726. Il dollaro debole dà slancio alle materie prime, risale il petrolio
  727. Il dollaro forte spinge il Wti sotto quota 50. Dall'Aie previsioni rialziste
  728. Il dopo Maduro si gioca in Pdvsa
  729. Il Fantasma di EastMed
  730. Il fondo sovrano della Norvegia valuta l’uscita dai petroliferi
  731. Il forte calo delle scorte Usa rilancia il petrolio
  732. Il fuoco fatuo dei rialzi petroliferi
  733. Il future cinese sul petrolio tenta i colossi internazionali
  734. Il gas accompagna il carbone al tramonto: transizione al via, verso il mix delle fonti
  735. Il gas del Tap cerca il raddoppio
  736. Il gas e il futuro dell’energia
  737. Il gas obbliga Erdogan a far pace con Israele
  738. Il gas resterà chiave, ma la crescita è finita
  739. Il gas russo apre la via per la Cina: l’Europa non è più l’unico mercato
  740. Il gas russo arriva in Cina. Ora l’Europa è più debole
  741. Il gas torna più caro in Europa con la CO2
  742. Il gas, economico e green, affossa il carbone
  743. Il gasdotto nel mirino dell'Isis (e dei rapitori)
  744. Il gasdotto pugliese va fatto a dispetto delle lagne cinquestelle
  745. Il gasdotto Tap costerà 4,5 mld
  746. Il grande domino del Mediterraneo tra pozzi e dispute territoriali
  747. Il greggio azero riconquista la leadership dell’import
  748. Il greggio in calo affonda Aramco l’Arabia Saudita rivede le quotazioni
  749. Il greggio iraniano in Europa. Ecco i primi 4 milioni di barili
  750. Il greggio scende ma stavolta non è colpa di Trump né dello “shale oil”
  751. Il greggio si ferma sul supporto a 49 dollari. Rimbalzo o discesa?
  752. Il greggio tiene ferma l’inflazione
  753. Il greggio Wti torna sopra 50 dollari
  754. Il Kazakhstan prepara l’uscita dal petrolio
  755. Il lato oscuro delle rinnovabili: la transizione tra vincitori e vinti
  756. Il lento declino del carbone Cina e Usa lo riducono gas e vento più convenienti
  757. Il lento declino dell’oro nero e i produttori lo ammettono
  758. Il mercato del gas avvia la rivoluzione di prezzi e contratti
  759. Il mercato del gas rimane compresso tra nuovi paradigmi e vecchi problemi
  760. Il mercato non si fida dell’Opec
  761. Il mercato ora vede il petrolio sopra 70$ almeno fino al 2020
  762. Il Messico punta sui fichi d’India per produrre carburante pulito
  763. Il mistero del barile scomparso. Così i tagli (non) spingono i prezzi
  764. Il mondo dice sì all’intesa sul clima
  765. Il mondo ha fame di energia
  766. Il Mozambico fa lo sconto a Eni
  767. Il nodo gasdotto, Parigi e Berlino lontane sulle sanzioni
  768. Il nuovo dominus del cartello? La Russia di Putin
  769. Il pessimismo sui mercati contagia anche il petrolio
  770. Il petrolio è affetto da schizofrenia
  771. Il petrolio è in rampa di lancio
  772. Il petrolio è ridiventato caro
  773. Il petrolio abbatte il «muro» dei 30 dollari
  774. Il petrolio affonda ai minimi da 18 anni
  775. Il petrolio affonda del 5%. Prezzi ai minimi da 5 mesi
  776. Il petrolio affonda il rimbalzo dei listino
  777. Il petrolio affonda sotto il peso di scorte di nuovo in aumento
  778. Il petrolio ai massimi spinge le Borse
  779. Il petrolio ai minimi da 6 anni
  780. Il petrolio ancora in caduta tocca i minimi da sette anni
  781. Il petrolio Brent crolla dell’8%. Aie: il surplus torna a crescere
  782. Il petrolio Brent vola di nuovo a quota 80 dollari al barile
  783. Il petrolio cade ai minimi? L’Italia ne approfitti
  784. Il petrolio continua a correre e il Brent supera i 52,5 dollari
  785. Il petrolio dopo un mese sotto i 50 dollari. Tagli Opec non sufficienti
  786. Il petrolio e il futuro delle elite mediorientali
  787. Il petrolio e le nuove sette sorelle così i padroni dello shale oil Usa hanno battuto l’Arabia Saudita
  788. Il petrolio fa retromarcia
  789. Il petrolio ha la febbre, ora rischiano le imprese
  790. Il petrolio ignora gli sforzi sauditi: Brent a 85$
  791. Il petrolio interrompe il recupero
  792. Il petrolio iraniano arriva in Europa. Negli usa produttori low cost in crisi
  793. Il petrolio naviga a vista
  794. Il petrolio non è più troppo: scorte in calo per tutto il 2017
  795. Il petrolio oltre 36 dollari, sorpasso del Wti sul Brent
  796. Il petrolio oltre 70$ sblocca progetti per 37 miliardi
  797. Il petrolio per l’Isis è un’arma spuntata
  798. Il petrolio riemerge dai minimi: +12%
  799. Il petrolio rimbalza, Brent oltre 48$
  800. Il petrolio riprende fiato ma gli hedge fund scappano
  801. Il petrolio rivede i massimi da 18 mesi
  802. Il petrolio rompe le righe e cade
  803. Il petrolio s’impenna oltre i 70 dollari è record dal 2014
  804. Il petrolio schizza a 75 dollari. Stangata in vista sulla benzina
  805. Il petrolio scivola sotto i 29 dollari
  806. Il petrolio si spinge al record da tre anni
  807. Il petrolio snobba l’effetto Doha
  808. Il petrolio spinge benzina e gasolio. I gestori: “Ora aumenti sensibili”
  809. Il petrolio stenta a recuperare quota dopo il vertice Opec
  810. Il petrolio tenta il mini-rimbalzo
  811. Il petrolio tocca i minimi da oltre 11 anni
  812. Il petrolio torna a correre
  813. Il petrolio torna a correre grazie a Opec e scorte Usa
  814. Il petrolio torna sotto pressione Shell svaluta altri 4,5 miliardi
  815. Il petrolio Usa in crisi per lo scontro Arabia-Iran
  816. Il petrolio Usa si spinge fino ad Abu Dhabi
  817. Il petrolio vola del 9% a New York. Oro e titoli auriferi, corsa di fine anno
  818. Il petrolio vola oltre i 40 dollari
  819. Il petrolio vola oltre i 57 dollari
  820. Il petrolio Wti ritrova quota 65 dollari
  821. Il petrolio? E’ già pronto per il rimbalzo
  822. Il piano europeo assegna all’Italia 15 grandi progetti
  823. Il prezzo del greggio resterà stabile nel 2018
  824. Il Prezzo del petrolio influisce meno del passato
  825. Il principe e il petrolio saudita. La dinastia guarda oltre l’oro nero
  826. Il Qatar aiuta Glencore e sale al 19% di Rosneft
  827. Il Qatar lascia l’Opec: sale lo scontro con l’Arabia Saudita
  828. Il Qatar punta tutto sul gas e chiama Saipem
  829. Il Qatar scopre nuove riserve di gas e accelera con il Gnl
  830. Il Quatar si difende con l’arma del gas: produrremo di più
  831. Il rally del petrolio si ferma. Falsa ripresa come nel 2015?
  832. Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre
  833. Il ritorno del petrolio
  834. Il ritorno delle materie prime: boom di prezzi e investimenti
  835. Il russo Fridman torna nel Mare del Nord
  836. Il saudita Falih: il vertice deve chiarire sui tagli
  837. Il sistema del gas supera il test dell’emergenza gelo
  838. Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati
  839. Il super euro travolge dollaro e sterlina, frena il petrolio
  840. Il triumvirato Washington-Riad-Mosca decide le sorti dell'energia globale
  841. Il Turkish Stream aperto dal 2019
  842. Il Venezuela ricco di petrolio è rimasto senza benzina
  843. Il volto che vale 2mila miliardi. Wall Street sogna
  844. Ilva esclusa dalla maxi-commessa Tap
  845. In Asia i prezzi Gnl ai massimi da 7 mesi
  846. In Asia la sfida petrolifera tra Arabia Saudita e shale oil
  847. In Europa (e Italia) acquisti record di petrolio dall’Iran
  848. In Europa Big Oil impara a convivere col barile a 50 dollari
  849. In Europa Gnl più caro che in Asia
  850. In Libia nuovo stop per Eni & C
  851. In Libia nuovo stop per Eni&co
  852. In perdita il 3,5% del petrolio estratto
  853. In Ue si usa troppo carbone e poco gas
  854. Incertezza sul petrolio nel 2016. Morgan Stanley vede il rimbalzo. “E’ ora di tornare a puntarci”
  855. Indagine prezzi Ue, verso contestazione formale
  856. Indagini Usa su emissioni diesel
  857. India erede della Cina come nuovo motore dei consumi di petrolio
  858. Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>
  859. Industrie a basso impatto le quotazioni salgono vince il sistema low carbon
  860. Innovazione Eni ai cinesi
  861. Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"
  862. Intesa Edison – Gazprom per il gas russo
  863. Intesa per ridurre perdite di metano
  864. Intesa tra Opec e Russia: più petrolio sui mercati
  865. Iran apre a Eni doppio accordo sui nuovi pozzi
  866. Iran vicino a deal milionario con Total
  867. Iran, approvate linee guida nuovi contratti petrolio e gas
  868. Iran, Eni in trattativa con Nioc
  869. Iran, nuova chiamata per Eni
  870. Iran, obiettivo export 2,5 mln b/g entro marzo
  871. Iran, primo passo per i nuovi contratti di estrazione
  872. Iran, Rouhani in visita ufficiale a Roma
  873. Iran, Turkmenistan sospende esportazioni gas
  874. Iran: Eni selezionata tra i gruppi ammessi alle prossime gare
  875. Iraq. Metterà all’asta un carico di greggio
  876. Israele deve rifare i conti , a rischio i piani energetici con il Cairo
  877. Israele per la prima volta diventa esportatore di gas
  878. Israele- Italia, via al gasdotto che cambia i rapporti di forza
  879. Italgas l’affare spagnolo
  880. Italgas, investimenti per 5 miliardi
  881. Italgas, piano da 4 miliardi di investimenti. La spinta sulla rete e la digitalizzazioni
  882. Italia secondo cliente di Gazprom
  883. Italia-Cina, domani intese per Eni e Snam
  884. Juncker dà energia all’Italia
  885. Kashagan verso il record di barili
  886. Kazakhstan chiede risarcimento da 1,6 mld $ a consorzio Karachaganak
  887. Kazakhstan, l’Eni fa il pieno di intese
  888. Kenya, estrazioni ed export al via
  889. Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>
  890. Kiev taglia l’import di gas Ue
  891. Kuwait, commessa da 1,3 mld per Saipem
  892. L'addio al petrolio sarà più lungo il virus frena la decarbonizzazione
  893. L'Algeria vuole rafforzare il legame energetico con la Ue
  894. L'Arabia rilancia sul petrolio
  895. L'Iraq rimborsa cash Eni e C
  896. L’abbraccio fra Putin e Erdogan per il gasdotto che scalda l’est Europa
  897. L’ad Descalzi: “Nessun ritiro da Cipro”
  898. L’Aie avverte l’Opec: “serve molto lavoro per ridurre le scorte”
  899. L’Aie proclama la vittoria dell’Opec: «missione compiuta»
  900. L’Aie si corregge: domanda di petrolio sovrastimata in Asia
  901. L’Aie: “Lo shale oil non basterà, si torni a investire sul petrolio”
  902. L’Aie: “Usa leader globali nel petrolio e nel gas”
  903. L’Aie: per lo shale oil crescita “esplosiva” con il barile a 70 dollari
  904. L’allarme dell’Aie “Trump e petrolio le vere incognite”
  905. L’allarme per il clima fa cambiare modello alle big del petrolio
  906. L’allarme sul petrolio venezuelano complica il prossimo vertice Opec
  907. L’americana Exxon a Cipro. Ma con la scorta anti-turchi
  908. L’Arabia frena: niente accordi senza l’Iran
  909. L’Arabia prepara la bolla da 2 trilioni
  910. L’Arabia Saudita “avverte” i partner sui tagli petroliferi
  911. L’Arabia Saudita alza le difese contro il petrolio debole
  912. L’Arabia Saudita risveglia le attese sul vertice Opec
  913. L’Arabia Saudita scommette sulla ripresa del petrolio
  914. L’arma del gas
  915. L’arma delle sanzioni Usa per fermare il gas russo
  916. L’arma spuntata del gas russo e le ambizioni Ue nel risiko dei gasdotti
  917. L’arrivo del gas dagli Stati Uniti fa temere una guerra dei prezzi
  918. L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap
  919. L’asse Snam-General Electric per spingere il Gnl nei trasporti
  920. L’assedio americano al Nord Stream libera l’Europa centrale dal gas russo
  921. L’aumento del greggio fa volare i bilanci di Saras
  922. L’avvio di Goliat spinge Eni a Piazza Affari
  923. L’Azerbaijan, la Tap e l’avvertimento all’Italia sul rischio di penali da 40 miliardi
  924. L’EastMed Gas Forum si apre all’industria
  925. L’Eni ci prova in Irlanda
  926. L’Eni ora compra il gas algerino a prezzi “italiani”
  927. L’Eni prevede di estrarre petrolio in Messico
  928. L’Eni si espande negli Emirati Arabi. Più stretti i legami con il Medio Oriente
  929. L’eolico accelera e il solare frena ma la sfida decisiva è sullo storage
  930. L’euforia da auto elettrica e la profezia eccessiva da “fine del petrolio”
  931. L’euro spinge il petrolio oltre 70$
  932. L’Europa divisa anche nella partita del gas
  933. L’Europa si ribella a Nord Stream 2
  934. L’ex cancelliere Schröder verso la presidenza Rosneft
  935. L’export di gas americano al via in piena crisi del Gnl
  936. L’impatto del prezzo del petrolio
  937. L’industria del gas taglia le emissioni di metano
  938. L’ingorgo di petroliere negli oceani in attesa che salga il prezzo del greggio
  939. L’Iran insegue ancora Eni
  940. L’Iran nicchia ma il greggio sale
  941. L’Iran parteciperà al meeting Opec
  942. L’Iran prepara i contratti oil&gas
  943. L’Iran reagisce ai tweet di Trump: “Smetta di far salire il petrolio”
  944. L’Iran si autofinanzia per Eni&C
  945. L’Iran vende petrolio a Saras e Iplom
  946. L’Iraq accelera sulle vendite
  947. L’Iraq taglia i fondi al settore petrolifero
  948. L’Italia pronta all’intervento in Libia “Guai a chi tocca il gasdotto dell’Eni”
  949. L’Italia resta al centro dei piani europei
  950. L’Italia resta al centro delle future rotte del gas russo
  951. L’Italia rilancia la sfida del gas alla Germania: a Snam il 20% del gasdotto Tap
  952. L’Italia riparte da energia e infrastrutture
  953. L’offerta di petrolio rallenta ma adesso c’è troppo diesel
  954. L’oil&gas strangolato dai nimby
  955. L’ombra dell’ipo Aramco sul meeting dell’Opec
  956. L’ondata di gelo negli Usa fa correre il gas naturale
  957. L’Opec “scopre” i mercati e fa pace con gli speculatori
  958. L’Opec accelera la marcia verso i mercati finanziari
  959. L’Opec ammette: “Petrolio in declino, il futuro è del gas”
  960. L’Opec apre al taglio della produzione
  961. L’Opec attacca i signornò che dubitano della sua forza
  962. L’Opec c’è ancora?
  963. L’Opec cerca nuovi alleati per i tagli di produzione
  964. L’Opec cerca un’alleanza con lo shale oil
  965. L’Opec chiede consiglio al trader “Dio”
  966. L’Opec estende i tagli al 2018
  967. L’Opec estrae più barili del previsto e il petrolio scende sotto i 50 dollari
  968. L’Opec fa l’accordo e la benzina rincara subito
  969. L’Opec ha già fatto un regalo allo shale oil
  970. L’Opec non è morta ma resta malata
  971. L’Opec prende tempo su proroga dei tagli e problema Nigeria
  972. L’Opec pronta a dare più petrolio
  973. L’Opec prova a frenare Libia e Nigeria
  974. L’Opec snobba Trump la produzione non cresce e il greggio vola ai massimi
  975. L’Opec spinge per ottenere forti tagli anche da Mosca
  976. L’Opec stringe i legami con la Russia per controllare il mercato del petrolio
  977. L’Opec taglia 1,5 milioni di barili e centra gli obiettivi di riduzione
  978. L’Opec valuta proroga dei tagli
  979. L’opposizione di Roma blocca a Bruxelles il gasdotto dei record
  980. L’ordine degli Usa a Salvini: “Fai completare il Tap”
  981. L’Oro (e i suoi fratelli) alla riscossa
  982. L’oro rialza la testa
  983. L’ultima sbandata di Wall Street
  984. L’unica soluzione è il nucleare sicuro
  985. L’uragano Nate minaccia i pozzi di petrolio negli Usa
  986. L’uragano non scuote il petrolio
  987. La Bei pronta a tagliare i fondi ai combustibili fossili
  988. La bozza c’è, parola alla politica
  989. La Bp pagherà 18,7 miliardi per la marea nera in America
  990. La carbon tax unisce ecologisti e petrolieri
  991. La carbon tax, scure sulla ripresa petrolifera
  992. La Cina estrarrà meno petrolio
  993. La Cina fa il pieno di materie prime (per ora)
  994. La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas
  995. La Cina super inquinata potrebbe comprare il gas di scisto da Trump
  996. La cinese Cefc vuole una quota Rosneft
  997. La contesa per il gas L’Ucraina sospende gli acquisti dalla Russia
  998. La corsa del petrolio, un mese intero di rialzi del barile
  999. La crisi del nucleare francese traina le tariffe di luce e gas
  1000. La direttiva sul gas che complica il Nord Stream 2
  1001. La domanda di petrolio sta perdendo vigore
  1002. La Francia stacca le centrali nucleari e l’Italia aumenta l’export di energia
  1003. La geopolitica accelera la corsa del petrolio
  1004. La Germania acquista gas liquefatto dagli Stati Uniti
  1005. La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran
  1006. La Libia frena ma Eni raddoppia
  1007. La Libia stronca il rimbalzo del petrolio
  1008. La Libia tenta il rilancio della produzione del greggio
  1009. La lunga estate del gas
  1010. La Nigeria candida segretario generale
  1011. La norvegese Statoil cerca greggio ma trova gas
  1012. La nuova strategia dell’Eni: ora più Medio Oriente
  1013. La più grande sfida del premier è l’accesso alla Banca nazionale
  1014. La Polonia punta sul gas norvegese
  1015. La produzione di Eni & C sale e Astana batte cassa
  1016. La risalita del greggio e la «pagella» di Goldman Sachs spingono il titolo
  1017. La risalita del greggio, primo passo verso la normalità
  1018. La rivoluzione blockchain investe le materie prime
  1019. La Russia rilancia la proposta di una Opec del gas
  1020. La Russia stacca gli Usa nella corsa all’Artico. Inaugurata la terza linea di produzione di gas
  1021. La Russia taglia il gas all’Ucraina
  1022. La Russia taglia Oggi vertice Opec
  1023. La Saipem si aggiudica contratti per un miliardo
  1024. La scommessa di Eni sulla fusione nucleare
  1025. La sfida strategica per i giacimenti di oro nero
  1026. La Shell e gli affari del “capo”
  1027. La speculazione soffia sui rincari e anche la Ue ha le mani legate
  1028. La speculazione sul petrolio dà una mano all’Opec (per ora)
  1029. La strana alleanza tra Putin e i sauditi per non aumentare la produzione
  1030. La strategia di Snam per Desfa: così la Grecia sarà un hub del gas
  1031. La svolta dell’Opec: domanda di petrolio al picco entro 20 anni
  1032. La svolta verde di Isabelle risveglia la nuova Gdf – Suez
  1033. La transizione eneregtica accelera, idrogeno volano di cambiamento
  1034. La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia
  1035. La Ue detta le regole a Gazprom ma evita multe miliardarie
  1036. La variabile-petrolio e le mosse saudite
  1037. La via del metano Europa-Cina. Così si abbattono le emissioni
  1038. La via obbligata dell’emissione zero
  1039. Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia
  1040. Le imprese all’Europa: necessario accelerare sul mercato unico del gas
  1041. Le imprese: una strategia sul clima
  1042. Le mani della Jihad sui giacimenti di gas del Monzambico
  1043. Le politiche di Trump non salveranno il carbone
  1044. Le raffinerie all’origine di possibili nuovi rincari
  1045. Le ricoperture spingono il petrolio a 32 dollari
  1046. Le sanzioni anti Putin? In Europa valgono per tutti, con la solita eccezione tedesca: e la Merkel approva il gasdotto North Stream 2
  1047. Le sanzioni di Trump bloccano la costruzione di Nord Stream 2
  1048. Le strategie saudite e le sfide degli Usa
  1049. Lente della Ue sugli accordi energetici
  1050. Leviatano, Calipso, Glauco e Afrodite il gas infiamma il Mar Mediterraneo
  1051. Lezioni da Davos: il rilancio <<verde>> di von der Leyen e il rischio di scontro sul commercio con Usa e Cina
  1052. Libia & C., l’autunno caldo di Eni
  1053. Libia in fiamme, l’Isis colpisce il petrolio
  1054. Libia pronta ad aumento output
  1055. Libia, bloccato gasdotto Noc a Sidi el-Sayeh
  1056. Libia, Bp si allea con Eni per le esplorazioni
  1057. Libia, da Londra riconoscimento all’Eni e all’Italia
  1058. Libia, da oggi revocato lo stato di forza maggiore da porti e giacimenti
  1059. Libia, Haftar attacca per riprendere i pozzi della Cirenaica
  1060. Libia, Noc e Bpmc rassicurano sui rifornimenti. Danni al serbatoio di Tariq el-Matar. Riunione d'urgenza domenica tra le due società
  1061. Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi
  1062. Libia, Tap e dazi sulle auto, così Conte cercherà l’asse con Washington
  1063. Linde e Praxair trattano per creare il gigante del gas
  1064. Lo shale di Trump s’espande nel Mediterraneo
  1065. Lo shale oil americano ora sembra meno forte
  1066. Lo shale oil Usa comincia a tagliare la produzione
  1067. Lo stop al carbone e gli effetti sul gas
  1068. Lo zio Sam costretto a spegnere le trivelle
  1069. Lukoil non venderà la raffineria di Priolo
  1070. Lukoil, in vendita la raffineria ex Erg di Priolo
  1071. Ma i tempi non saranno brevi. Gli Usa dovranno aspettare il 2020
  1072. Ma le vere ambizioni dell’Arabia Saudita puntano oltre i 70$
  1073. Ma Mosca vorrebbe vendere più gas al Dragone
  1074. Ma se scoppia il barile marea nera da 3 mila miliardi
  1075. Ma un solo raid basta a incendiare il greggio
  1076. Made in Italy in Etiopia e Ghana per il tessile e il settore oil&gas
  1077. Maduro poggia il Petro sul barile
  1078. Maduro sposta sede Pdvsa a Mosca
  1079. Maduro: Venezuela punta ancora sul gas
  1080. Mai così bassa la produzione di Gazprom
  1081. Maire Tecnimont, intesa in Azerbaijan
  1082. Mani forti dietro al rally del petrolio
  1083. Mani legate per l’Opec: manca troppo petrolio, non solo dal Venezuela
  1084. Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”
  1085. Materie prime al rialzo, il petrolio resta un rebus
  1086. Materie prime, il rimbalzo c’è più oro che petrolio nella lista
  1087. Maxi-contratto per Gnl Usa in Cina
  1088. Maxi-intesa mediterranea Eni e Russia soci nel gas
  1089. Mega progetti sauditi ovunque
  1090. Mega progetti sauditi ovunque
  1091. Meno fiducia nell’Opec, ma il petrolio ritorna a pompare
  1092. Meno oil, più hi-tech: così i fondi sovrani “ruotano” il portafoglio
  1093. Meno petrolio dal Canada
  1094. Meno pozzi e miniere Così cambia il mercato dell’energia fossile
  1095. Mercato rialzista sul prezzo del petrolio
  1096. Merkel contro gli Usa: il Nord Stream 2 è necessario
  1097. Merkel, affondo contro il Dieselgate: “Assurdi i bonus ai manager responsabili”
  1098. Messico, opportunità nell’oil&gas
  1099. Metano, sarà sfruttato dai greci il giacimento davanti alla Puglia
  1100. Miglior settimana dell’anno per il petrolio: rialzo del 9%
  1101. Minerale di ferro a picco, vola il carbone da coke
  1102. Minerari e petroliferi sotto pressione
  1103. Mire cinesi sul gas Eni australiano
  1104. Mise, Calenda in missione in Turchia
  1105. Moavero: “L’Italia manterrà gli impegni sul gasdotto Tap”
  1106. Mosca e Ankara, pace in nome del gas
  1107. Mosca e Riad sfidano gli Usa sul petrolio. Una super-Opec per controllare i prezzi
  1108. Mosca fa la faccia feroce con l’Opec
  1109. Mosca mette in guardia Roma: “il gas russo è meglio del Tap sia per costo che per qualità”
  1110. Mosca-Ankara, ballano gas e nucleare
  1111. Mosca: “L’accordo conviene a tutti. Ma i prezzi saliranno lentamente”
  1112. Mosca: accordo sul petrolio in aprile, ma senza l’Iran
  1113. Mossi&Ghisolfi, colpo in Tunisia
  1114. Mozambico all’anno zero, il riscatto passa dal gas
  1115. Mozambico Eldorado del gas. Imprese italiane in prima fila
  1116. Mozambico, Eni avvia assemblaggio Coral Sul FLNG
  1117. Mozambico, interesse Eni per piattaforma Samsung
  1118. Mozambico, la scommessa di Eni
  1119. Nasce l’”Opec” dei consumatori di Gnl
  1120. Nave Saipem bloccata, altolà Ue
  1121. Negli Usa arretra soltanto lo shale oil
  1122. Negli Usa e in Europa le scorte di petrolio iniziano a scendere
  1123. Negli Usa scorte record di greggio e benzine
  1124. Nel 2017 spending; meno bonus fiscali, lotta all’evasione
  1125. Nel confine stretto del Mediterraneo dove Erdogan gioca la battaglia del gas
  1126. Nel crollo del greggio sfida all'ultimo barile tra Russia e Stati Uniti
  1127. Nel duello con la Merkel sul gas russo, Trump ottiene un primo successo: la Germania importerà anche il gas liquido dagli Usa
  1128. Nel petrolio gli Usa ai massimi dagli Anni 70
  1129. Nel settore petrolifero investimenti ancora cauti
  1130. Nel vento il futuro di Saipem
  1131. Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle
  1132. Nelle stime sul barile spuntano i 20 dollari
  1133. Nessuna ripresa delle quotazioni se non si limita l’offerta
  1134. Niente corsa all’oro. Petrolio e rame resistono alla bufera
  1135. Nigeria, General Electric investirà in sviluppo raffinerie
  1136. Non c’è intesa nell’Opec. Il petrolio verso i 35 dollari
  1137. Non Doha, ma lo shale oil ridurrà l’eccesso di petrolio
  1138. Non sarà il Cairo a emancipare l’Europa dalle forniture russe
  1139. Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”
  1140. Non sono Eni e Total, la Libia fa accordi in Usa e Germania
  1141. Nord Stream 2, authority Germania nega esenzioni dalle norme Ue
  1142. Nord Stream 2, Berlino contro le sanzioni Usa
  1143. Nord Stream 2, Europarlamento preoccupato. Cañete: deve rispettare regole Ue
  1144. Nord Stream 2, Gazprom esclude (ancora) Saipem
  1145. Nord Stream 2, i primi passi del contestato gasdotto
  1146. Nord Stream 2, ipotesi Basf TurkStream, sospesi i lavori
  1147. Nord Stream 2, Italia a secco per i tubi solo russi e tedeschi
  1148. Nord Stream 2, le obiezioni dell’Italia
  1149. Nord Stream 2, Sefcovic: incoerente con Unione Energia
  1150. Nord Stream 2: Gazprom lima al 50%, Engie sale al 10%
  1151. Nord Stream, Antitrust polacco: jv può danneggiare concorrenza
  1152. Nord Stream, gli Usa estendono le sanzioni
  1153. Nord Stream, riprende la posa dei tubi
  1154. Norvegia, via libera a giacimento nell’Artico
  1155. Novak: “Il gas rischia crisi simile a quella del greggio”
  1156. Nuove strategie per la sicurezza energetica dell’Europa
  1157. Nuovi accordi in Kurdistan
  1158. Nuovi contratti Saipem dall’Africa al Bosforo
  1159. Nuovi timori di surplus petrolifero
  1160. Nuovo tonfo del petrolio. Brent ai minimi da 3 mesi
  1161. Obama: il cambiamento climatico manaccia alla sicurezza nazionale
  1162. Ocse all'Italia: aumentare tasse ambientali
  1163. Oggi a Baku si ridefinisce l’assetto del mercato del gas nell’Europa Meridionale
  1164. Oil and Gas Review (Eni): gli Usa primo produttore di petrolio al mondo
  1165. Oil sands del Canada più lontane dall’Europa
  1166. Oil&Gas, accordo di cooperazione tra BP e KPC
  1167. Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)
  1168. Oil, il picco si allontana
  1169. Ok alla costruzione del Nord Stream 2
  1170. Ok Ue al Piano Green italiano
  1171. Oleodotti e giacimenti minerari. Trump non si fida degli sceicchi e punta all’autonomia energetica
  1172. Oltre il petrolio
  1173. Omv sulla vendita di Gca: Snam in short list con Allianz
  1174. Omv, bene il trimestre con dismissioni e taglio costi/investimenti
  1175. Opec ancora in stallo, il petrolio va sotto 46 dollari
  1176. Opec aperta a ogni opzione per sostenere i prezzi
  1177. Opec e Russi temperano le aspettative sul vertice
  1178. Opec e Russia si preparano a produrre più petrolio
  1179. Opec e Russia verso alleanza permanente
  1180. Opec messa alla prova da shale oil, Libia e Nigeria
  1181. Opec Plus ancora divisa sulla durata dei tagli
  1182. Opec sì in extremis all’intesa. Ma il prezzo del greggio sale
  1183. Opec taglia stime domanda greggio 2016
  1184. Opec verso quote individuali?
  1185. Opec verso un accordo (forse) ma non ad Algeri
  1186. Opec, Arabia Saudita e Iran cercano un compromesso
  1187. Opec, c’è il sì ai tagli ma sale l’insofferenza sull’asse Mosca-Riad
  1188. Opec, corsa contro il tempo per l’intesa
  1189. Opec, cresce la tentazione di un vertice straordinario
  1190. Opec, dopo Algeri in arrivo un vertice straordinario
  1191. Opec, l'appoggio di Putin all'accordo
  1192. Opec, niente tetto di produzione
  1193. Opec, occhi puntati su Falih
  1194. Opec, piano per produrre un milione extra barili
  1195. Opec, picco della domanda oil entro 15 anni
  1196. Opec: bene i tagli. Brent sotto 64 $
  1197. Opec: insediato Barkindo, nuovo segretario generale
  1198. Opec: si discute proroga di 3-6 mesi dei tagli
  1199. Ora la battaglia si sposta sul petrolio
  1200. Ora Snam ci riprova in Brasile
  1201. Origin Energy
  1202. Orizzonte 2020, bando da 194 milioni
  1203. Paesi emergenti gas-dipendenti
  1204. Pandemia, preoccupazioni condivise tra Aie e Opec
  1205. Paniere Opec: in aprile sale a 37,86 $/b
  1206. Parigi e Berlino in lite sul gas russo. Borell vola a Mosca
  1207. Parla Putin, il Brent vola a 37 dollari
  1208. Parola d’ordine: decarbonizzare. La ricerca cerca soluzioni adatte
  1209. Passa da Nord Stream la guerra fredda sul mercato del gas
  1210. Passo indietro degli States nella lotta alla corruzione di petrolifere e minerarie
  1211. Patto di ferro sul gas tra Egitto e Israele
  1212. Patto tra Arabia e Russia sul petrolio
  1213. Patuanelli (Mise): “Continuità con Di Maio e un patto verde con le aziende”
  1214. Pechino apre al mercato dei cambi
  1215. Pechino colpisce le ambizioni Usa nello “shale gas”
  1216. Per Bp i profitti corrono insieme alla produzione
  1217. Per Cina e India import di petrolio al record storico
  1218. Per Exxon multa record di 76 miliardi
  1219. Per Ge fusione da 30 miliardi
  1220. Per i sauditi crescita zero, pesano i tagli dell’Opec
  1221. Per il gas si allontana lo sbarco in Germania
  1222. Per il gas una nuova età dell’oro
  1223. Per il gasdotto Tap si muovono altre banche
  1224. Per l’Aie necessari cinque anni per vedere il petrolio a 80$
  1225. Per l’Italia in Iran focus su energia e trasporti
  1226. Per la Saipem di Cao focus su cessioni e gas
  1227. Per Nord Stream 2 4,8 miliardi di euro da società europee
  1228. Per Saipem contratto in Oman da 800 milioni
  1229. Per Saipem un brivido da rally
  1230. Perché la bolla petrolifera è dietro l’angolo
  1231. Perforato il quinto pozzo di Zohr
  1232. Perforazioni Eni a segno in Messico
  1233. Petrobras, la corruzione è costata 2 miliardi di $
  1234. Petrochina e Cnooc oltre le attese
  1235. Petroliere già pronte a salpare per ridare slancio all’export
  1236. Petroliere Usa a rischio crack
  1237. Petrolio a 85 dollari. Da russi e sauditi produzione record
  1238. Petrolio a prezzi negativi se manca spazio per le scorte
  1239. Petrolio a rischio ribasso l’Opec potrebbe deludere
  1240. Petrolio a sorpresa salgono le scorte Usa
  1241. Petrolio ai massimi da 5 mesi. Cala ancora la produzione Usa
  1242. Petrolio ai minimi da 10 mesi
  1243. Petrolio ai minimi da 7 mesi
  1244. Petrolio al record da tre mesi. Anche il Wti sopra 40 dollari
  1245. Petrolio al top da oltre 2 anni
  1246. Petrolio americano vicino al via libera all’esportazione
  1247. Petrolio ancora in salita con gli scioperi in Kuwait
  1248. Petrolio ancora nel vortice della volatilità
  1249. Petrolio Brent oltre 60 dollari. È la prima volta da due anni
  1250. Petrolio Brent sotto 50 dollari
  1251. Petrolio congelato per 6 mesi
  1252. Petrolio debole, più shale oil dagli Usa
  1253. Petrolio e benzina al record pre Covid. Gli Usa tremano per l’uragano Laura
  1254. Petrolio e gas azeri destinati all’Europa, l’Asia non ci interessa
  1255. Petrolio giù del 2%. Gli Usa “assolvono” Riad per i taglio Opec
  1256. Petrolio giù, a 70,3 dollari a barile
  1257. Petrolio giù, anche il Kuwait si indebita all’estero
  1258. Petrolio giù, ma il rilancio non è più un miraggio
  1259. Petrolio il braccio di ferro nel golfo
  1260. Petrolio in caduta con le Borse e ora la domanda sta frenando
  1261. Petrolio in caduta del 4%. Iniziano le prese di profitto
  1262. Petrolio in discesa, disponibilità abbondante
  1263. Petrolio in forte calo, accelera la crescita delle scorte americane
  1264. Petrolio in forte rialzo
  1265. Petrolio in forte rialzo, a fine mese in Russia summit tra i produttori
  1266. Petrolio in forte ribasso sulla crescita dell’offerta in Libia, Nigeria e Usa
  1267. Petrolio in picchiata sotto 50 dollari
  1268. Petrolio in picchiata, Borse sotto pressione
  1269. Petrolio in recupero ma è allarme surplus
  1270. Petrolio in rialzo di oltre il 4%
  1271. Petrolio in rialzo per gli scontri in Libia
  1272. Petrolio in rialzo sulla scia della ripresa dell’import cinese
  1273. Petrolio in ribasso con il balzo delle scorte Usa
  1274. Petrolio in ribasso. Il mercato teme le ritorsioni cinesi.
  1275. Petrolio in ripresa con il mercato vicino all’equilibrio
  1276. Petrolio in ripresa, ma tra Riad e Mosca l’alleanza è a rischio
  1277. Petrolio in tensione, l’Opec estrae sempre meno
  1278. Petrolio in tensione: riemerge l’allarme sul Venezuela
  1279. Petrolio ko, ma Aramco distribuisce 75 miliardi
  1280. Petrolio peggior asset del trimestre
  1281. Petrolio pronto per un nuovo rally speculativo
  1282. Petrolio sopra 46 dollari, Borse in rialzo
  1283. Petrolio sostenuto dall’ottimismo degli speculatori
  1284. Petrolio sotto 38 dollari. Produzione russa record
  1285. Petrolio sotto 50 dollari Scorte Usa ancora giù ma l’Opec non convince
  1286. Petrolio sotto i 35 dollari, il minimo da 11 anni
  1287. Petrolio tra segnali ribassisti e ottimismo delle banche Usa
  1288. Petrolio troppo caro, per l’Aie la domanda potrebbe frenare
  1289. Petrolio Usa da record ma la crescita futura non è priva di sfide
  1290. Petrolio Usa in ripresa dopo Harvey: benzina giù
  1291. Petrolio Usa verso record produzione
  1292. Petrolio Usa, la produzione corre verso il record
  1293. Petrolio Usa, produzione ai massimi da 46 anni
  1294. Petrolio verso 30$ La guerra dei prezzi infuria anche in mare
  1295. Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec
  1296. Petrolio Wti oltre 50$, Brent record da aprile
  1297. Petrolio, è boom di trivelle negli Usa
  1298. Petrolio, al tavolo di Vienna metà dell’offerta mondiale
  1299. Petrolio, alta tensione in attesa dell’Opec
  1300. Petrolio, anche i non Opec tagliano più del previsto
  1301. Petrolio, ancora tensione sui prezzi del barile
  1302. Petrolio, c’è l’accordo sui tagli
  1303. Petrolio, cala la produzione ma dopo aver corso nel 2016
  1304. Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico
  1305. Petrolio, consumi record ma l’offerta non Opec sta correndo più veloce
  1306. Petrolio, crollo senza freni: Wti giù del 7%
  1307. Petrolio, da Libia e scorte Usa un leggero sostegno ai prezzi
  1308. Petrolio, dalle calamità rischi per la domanda
  1309. Petrolio, di nuovo sotto pressione. La volatilità è ai massimi da tre anni
  1310. Petrolio, export Usa da primato ma l’Opec non ha perso la partita
  1311. Petrolio, export Usa da record
  1312. Petrolio, giù le scorte Usa. Forte rimbalzo dei prezzi
  1313. Petrolio, gli stoccaggi ora non fanno più paura
  1314. Petrolio, gli Usa producono più dell’Arabia Saudita
  1315. Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi
  1316. Petrolio, i prezzi nel 2017? Settanta dollari al barile
  1317. Petrolio, i tagli non bastano e i prezzi calano
  1318. Petrolio, il barile resta mini
  1319. Petrolio, il barile tocca i minimi da agosto. Offerta ancora in crescita
  1320. Petrolio, il Brent vicino ai 50 dollari
  1321. Petrolio, il calo delle scorte Usa non sostiene le quotazioni
  1322. Petrolio, il giorno più buio: il Wti per maggio va sotto zero
  1323. Petrolio, il mercato segnala che la svolta del ciclo è vicina
  1324. Petrolio, il nuovo calo delle scorte Usa non sostiene i prezzi
  1325. Petrolio, il paradosso della produzione
  1326. Petrolio, il prezzo in ribasso non mette ansia ai mercati
  1327. Petrolio, il prezzo vola su voci di un ritrovato accordo russo-saudita
  1328. Petrolio, il taglio aiuta obiettivo a 60 dollari
  1329. Petrolio, in forte recupero le quotazioni di Brent e Wti
  1330. Petrolio, incombe il rischio scorte
  1331. Petrolio, incontro al vertice tra Opec ed Eni
  1332. Petrolio, intesa Opec in dubbio
  1333. Petrolio, investimenti rinviati per 380 miliardi di dollari
  1334. Petrolio, l'Opec allargata sta funzionando
  1335. Petrolio, l’ “annus horribilis” dei produttori
  1336. Petrolio, l’affondo dell’Opec sui tagli alla produzione
  1337. Petrolio, l’Aie intravvede la fine del surplus
  1338. Petrolio, l’allarme scorte ora riguarda l’Europa
  1339. Petrolio, l’Arabia Saudita taglia più del previsto
  1340. Petrolio, l’eccesso di offerta riporta in basso le quotazioni
  1341. Petrolio, l’Equador non rispetterà i tagli alla produzione
  1342. Petrolio, l’impatto su deflazione e crescita
  1343. Petrolio, l’intesa non piace ai mercati
  1344. Petrolio, l’Iran apre a trattative con l’Opec ma pone condizioni
  1345. Petrolio, l’Iran collabora ma rivuole le sue quote
  1346. Petrolio, l’Iran dice si al vertice di Algeri e il Brent risale a 50$
  1347. Petrolio, l’Iran minaccia gli Usa. Vuole bloccare il Golfo Persico
  1348. Petrolio, l’Opec aspetta la Russia per trovare un accordo sui tagli
  1349. Petrolio, l’Opec perde peso. Export ai minimi dal 2009
  1350. Petrolio, l’Opec taglia le stime sulla domanda
  1351. Petrolio, l’Opec trova l’accordo sui tagli
  1352. Petrolio, l’Opec valuta un altro taglio
  1353. Petrolio, l’Opec vede rischi per l’offerta (ma non dall’Iran)
  1354. Petrolio, l’uragano Harvey punta il Texas e spaventa i mercati
  1355. Petrolio, la Cina alza il velo sulle riserve strategiche
  1356. Petrolio, la crisi a Permian frena la crescita della produzione Usa
  1357. Petrolio, la domanda globale continuerà a crescere nel 2019
  1358. Petrolio, la finanza scommette sulla corsa verso gli 80 dollari
  1359. Petrolio, la flessione delle scorte Usa riporta in alto i prezzi
  1360. Petrolio, la guerra dei prezzi causa il maggior crollo dal 1991
  1361. Petrolio, la Libia mette a rischio i “tagli” dell’Opec
  1362. Petrolio, la monarchia ha sbagliato tutti i conti
  1363. Petrolio, la ripresa dei consumi traina nuovi investimenti
  1364. Petrolio, la Russia frena sull’ipotesi di proroga dei tagli di produzione
  1365. Petrolio, la sfida dell’Opec complicata dallo shale oil
  1366. Petrolio, la strategia dell’Arabia Saudita ferma lo shale oil Usa
  1367. Petrolio, la trappola dei prezzi
  1368. Petrolio, le società Usa cancellano un quinto delle riserve provate
  1369. Petrolio, mercato distratto dalle scorte “sbagliate”
  1370. Petrolio, Mosca aumenterà la produzione
  1371. Petrolio, Mosca verso l’ingresso nell’Opec
  1372. Petrolio, nel mare del Nord le scorte iniziano a calare
  1373. Petrolio, nell’Opec si cerca il consenso in vista di Algeri
  1374. Petrolio, nella sfida con il Wti il Brent amplia il paniere
  1375. Petrolio, nubi sugli accordi per congelare la produzione
  1376. Petrolio, nuovi consensi su vertice Opec-non Opec
  1377. Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran
  1378. Petrolio, nuovo studio assegna agli Usa la palma delle riserve
  1379. Petrolio, Opec cerca l’accordo
  1380. Petrolio, Opec e Russia lavorano ad accordi di 10-20 anni sui tagli
  1381. Petrolio, Opec promossa sui tagli
  1382. Petrolio, Opec scettica sui tagli di produzione promessi dagli alleati
  1383. Petrolio, ora c’è chi teme che l’offerta non basterà
  1384. Petrolio, oro e palladio. Corrono le materie prime
  1385. Petrolio, per l’Aie i prezzi hanno toccato il fondo
  1386. Petrolio, per l’Aie la domanda crescerà almeno fino al 2040
  1387. Petrolio, positivo l’accordo Opec ma restano dubbi sulla fattibilità
  1388. Petrolio, prezzi in altalena e consumi in calo nelle grandi economie
  1389. Petrolio, produzione in crescita
  1390. Petrolio, produzione Opec da primato
  1391. Petrolio, produzione Usa ai massimi da agosto 2015
  1392. Petrolio, prospettive di marca rialzista per i prezzi nel 2018
  1393. Petrolio, pure Adnoc va all’ipo
  1394. Petrolio, quotazioni in forte rialzo
  1395. Petrolio, riparte Kashagan il giacimento dei record
  1396. Petrolio, russi e sauditi rilanciano sui tagli
  1397. Petrolio, scorte galleggianti in forte calo
  1398. Petrolio, scorte in calo grazie ai “tagli”
  1399. Petrolio, scorte Usa in calo ma i prezzi restano deboli
  1400. Petrolio, scorte Usa in forte ribasso Il Brent sfiora i 50$
  1401. Petrolio, sfida alla Russia Gli Usa verso il sorpasso La Cina punta sull’elettrico
  1402. Petrolio, si sgonfia il rally di agosto: Brent a 45 dollari
  1403. Petrolio, Stati Uniti più lontani dal sogno dell’indipendenza
  1404. Petrolio, sull’Opec torna l’incubo delle scorte
  1405. Petrolio, svolta vicina: oggi mini-vertice tra Paesi Opec e non-Opec
  1406. Petrolio, tagli fino a marzo I sauditi convincono l’Iraq
  1407. Petrolio, tensione sui prezzi rischio shock energetico
  1408. Petrolio, torna a crescere la produzione saudita
  1409. Petrolio, tornare ai fondamentali
  1410. Petrolio, tra Opec e Russia salta l’incontro pre-vertice
  1411. Petrolio, troppe incognite sull’accordo Opec fanno dubitare del rialzo
  1412. Petrolio, Usa verso cessione riserve strategiche
  1413. Petrolio, verso un accordo fra Rosneft e Aramco
  1414. Petrolio. Il premier Abadi: “l’Iraq taglierà la produzione”
  1415. Petrolio. La rivoluzione araba, Riad svela le riserve segrete
  1416. Petrolio. La visione di Khalid: privatizzare l’oro nero d’Arabia
  1417. Petrolio. Primo ribasso mensile ad agosto
  1418. Petrolio. Salgono a sorpresa le scorte americane
  1419. Petrolio: l’accordo sveglia i prezzi (con prudenza)
  1420. Petrolio: l’Opec temporeggia ancora sui tagli e i prezzi tornano giù
  1421. Petrolio: Opec e alleati decisi a proseguire i tagli
  1422. Petronas valuta ingresso in Tap
  1423. Più gas europeo all’Ucraina, La Bers sblocca il prestito
  1424. Più investimenti in elettricità che in petrolio, gas e carbone
  1425. Più lontano il sogno di rifornirci di petrolio e gas “made in Usa”
  1426. Più petrolio ai mercati? L’Opec si spacca
  1427. Più petrolio da Libia e Russia
  1428. Piano anti-Gazprom tra Varsavia e Kiev
  1429. Piano Juncker al debutto: la Bei premia sette progetti
  1430. Piano Ue per spingere l’idrogeno green
  1431. Pimco, le previsioni sul prezzo del petrolio puntano sul greggio sopra i cinquanta dollari
  1432. Pipeline bloccate in Libia. Si fermano due giacimenti
  1433. Pniec, a ottobre le valutazioni “individuali”
  1434. Pniec, ecco le raccomandazioni della Ue
  1435. Posizioni rialziste da primato sul Brent
  1436. Pressing americano sull’Opec: prezzi giù. L’Iran grande assente
  1437. Pressioni americane sull’Opec. Petrolio ai minimi da un mese
  1438. Prezzi record per il gas. È lite tra Russia e Ucraina
  1439. Prezzi, i tagli non bastano
  1440. Prezzo del petrolio, il ponte con gli Usa di Sechin (Rosneft)
  1441. Prima intesa Ue sui gas serra
  1442. Primato mondiale per petrolio e gas
  1443. Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa
  1444. Primi segni di disgelo tra Opec e shale oil
  1445. Primo danno collaterale della politica di Mosca
  1446. Primo stop al rally del petrolio
  1447. Produzione Opec da primato. Riad taglia i prezzi del greggio
  1448. Produzione record per Eni, due milioni di barili al giorno
  1449. Produzione russa in leggero aumento
  1450. Produzione Usa un gennaio -1,7%
  1451. Progetti prioritari Ue, arriva l’interconnessione Tap
  1452. Prove di alleanza tra Eni e Lukoil
  1453. Prove di pace in nome del gas. Nell’isola divisa riparte il dialogo.
  1454. Psv, prezzi forward in lieve ripresa
  1455. Puntare su petrolio, meccanica e design
  1456. Puntare sul gas per l’addio al carbone
  1457. Putin cede a Glencore e qatar il 20% di Rosneft
  1458. Putin inizia oggi la visita in Grecia e non demorde sul gasdotto del Sud
  1459. Putin, con la pace in Corea, farà il gasdotto fino a Seul
  1460. Putin: l’Ucraina si scordi gli sconti sul gas
  1461. Qatar, Descalzi in visita a Doha. Incontro con il presidente di Qatar Petroleum e l'emiro Al Thani
  1462. Qualche novità sul petrolio
  1463. Quei finti fallimenti delle compagnie energetiche Usa
  1464. Quel barile piccolo piccolo
  1465. Quel patto del metano tra Mosca e Pechino
  1466. Quel trivellatore di Justin Trudeau
  1467. Raffinerie a rischio dopo gli accordi sul clima
  1468. Raggiunta nella notte l’intesa Russia-Ucraina sulle forniture di gas
  1469. Rally del petrolio con ipotesi tagli
  1470. Record Usa nel petrolio. È testa a testa con Mosca
  1471. Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali
  1472. Renzi “brucia” gli alleati- Primo leader in visita in Iran
  1473. Renzi ‘ospite d’onore’ da Putin e cade il veto su Nord Stream 2
  1474. Renzi all’Onu: la firma sul clima e i dieci punti del piano italiano
  1475. Repsol e Criteria vendono 20% di Gas Natural
  1476. Respinti i ricorsi. Si a ricerche di gas nel mare Adriatico
  1477. Rete gas: entra allacciamento TAP, escono quelli per Geogastock e Gnl Brindisi
  1478. Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio
  1479. Riad serra le fila dell’Opec per sostenere i prezzi del barile
  1480. Riad taglia l’export, risale il greggio
  1481. Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>
  1482. Ridisegnato il risiko globale dell’energia
  1483. Rigassificatori, Croazia batte Italia
  1484. Rinnovabili, investimenti 2015 in aumento
  1485. Riparte alla grande la produzione statunitense di petrolio di scisto
  1486. Riparte il giacimento di Kashagan. Petrolio per 70 miliardi di barili
  1487. Riparte il rally della CO2: permessi Ue al record da 11 anni
  1488. Riprese le forniture di gas all’Ucraina
  1489. Risalgono le scorte di greggio degli Usa
  1490. Rischi da shock petrolifero limitati dall’offerta elevata
  1491. Rischio energia, ma il mercato non si scalda
  1492. Rischio sanzioni Usa per l’ultimo tratto di Nord Stream 2
  1493. Rischio scioperi nei giacimenti norvegesi
  1494. Rissa sulle riserve di gas a Cipro
  1495. Ritorna il petrolio di scisto
  1496. Riyad si converte all’energia verde
  1497. Roma punta ai pozzi di metano e prepara il super gasdotto
  1498. Roma rilancia sulla partnership economica. Descalzi vede Serraj
  1499. Rosneft
  1500. Rosneft rileva Eassar (India) per 12,9 miliardi di dollari
  1501. Rosneft, Gerhard Schroeder presidente del cda
  1502. Rosneft, intesa in Kurdistan per realizzare un gasdotto
  1503. Rosneft: con Eni e Saipem nel Mar Nero
  1504. Russi e arabi affossano il petrolio. Putin ci bastano 60 dollari al barile
  1505. Russia e Turchia riconsiderano Turkish Stream
  1506. Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas
  1507. Russia pronta a riattivare pozzi
  1508. Russia-Ucraina, ancora nessun accordo sul transito di gas
  1509. Russia-Ucraina, guerra del gas per bollette e penali non pagate
  1510. Saes, nel gas plusvalenza da 197 mln
  1511. Saipem accelera la corsa verde
  1512. Saipem al lavoro in Norvegia e Panama
  1513. Saipem balza del 10% sull’effetto Gazprom
  1514. Saipem eseguirà lavori in Angola
  1515. Saipem fa causa a Gazprom
  1516. Saipem in pista per il raddoppio della pipeline
  1517. Saipem punta sull’Iran
  1518. Saipem scommette sul Golfo
  1519. Saipem si aggiudica due contratti per 1,3 miliardi
  1520. Saipem si aggiudica un nuovo contratto dalla jv Eni-Rosneft
  1521. Saipem si prepara all’aumento
  1522. Saipem si rafforza in Nigeria
  1523. Saipem si rimette a lavoro per incassare la penale sul South Stream
  1524. Saipem sigla intesa in Iran
  1525. Saipem trova il tris in Australia
  1526. Saipem, conti negativi ma in recupero
  1527. Saipem, contratti in Guyana e Congo per 700 milioni dollari
  1528. Saipem, contratti onshore per 250 mln $
  1529. Saipem, dalla Serbia prove d’intesa con Gazprom
  1530. Saipem, Gazprom cerca la pace
  1531. Saipem, Gazprom teme l’arbitrato
  1532. Saipem, il Tribunale di Algeri sblocca 82 milioni
  1533. Saipem, in arrivo un nuovo contratto nell’onshore
  1534. Saipem, l’Eni ringrazia ma il conto lo paga la Cdp
  1535. Saipem, La doppia sfida di Cao Meno debiti, più indipendenza
  1536. Saipem, la Russia cancella South Stream
  1537. Saipem, la Russia pensa a un ruolo in Nord Stream 2 per chiudere il contenzioso
  1538. Saipem, Nord Stream 2 fa passi avanti
  1539. Saipem, nuova commessa in Cile
  1540. Saipem, nuove commesse per 430 milioni
  1541. Saipem, nuovi contratti per 600 milioni
  1542. Saipem, ordini in calo a 2,2 mld
  1543. Saipem, rosso per 2 mld nel 2016
  1544. Saipem, si vede la luce in fondo al tunnel. Petrolio in rialzo e nuove commesse in Asia
  1545. Saipem-Gazprom, nubi e schiarite
  1546. Saipem: nuovi contratti da Eni e Gazprom per 370 milioni di dollari
  1547. Sale a 100 miliardi il fondo per finanziare il Green new deal
  1548. Sale alle stelle il prezzo del gas. Tensione in Egitto
  1549. Sale il rischio sull’export di petrolio dal Kurdistan
  1550. Sale la produzione a Kashagan
  1551. Salzano (Eni), hub energetico fattore di stabilità nel Mediterraneo
  1552. Sanzioni all’Iran: petrolio alle stelle e fuga d’imprese
  1553. Sanzioni Iran, “gli Stati Uniti non concederanno ulteriori deroghe”
  1554. Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino
  1555. Sarà big ma anche avara
  1556. Saras “orfana” dei russi di Rosneft: il mercato chiede un cambio di passo
  1557. Saras, nel piano 2018-2021 investimenti per 800 milioni
  1558. Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”
  1559. Saudi Aramco cerca advisor per fare shopping nel gas
  1560. Saudi Aramco ci ripensa
  1561. Saudi Aramco fra maxi-Ipo e accordo con Pechino
  1562. Saudi Aramco si prepara ad alzare il velo sui conti
  1563. Saudi Aramco verso emissione record
  1564. Saudi Aramco, governo saudita diviso sull’Ipo
  1565. Saudi Aramco, nel 2018 una Ipo da 2 miliardi di $
  1566. Scatto del petrolio, l’oro si rialza dai minimi
  1567. Schiaffo di Gazprom a Saipem
  1568. Scivolone per Brent e Wti. Timori di cali nei consumi
  1569. Scoperta Eni nel Mare del nord
  1570. Scoperte di petrolio ai minimi da 63 anni
  1571. Scoperto maxi giacimento in Alaska
  1572. Scorte americane al record dell’anno
  1573. Scorte cinesi di greggio ai minimi da 4 anni
  1574. Scorte da record negli Usa ma il petrolio balza dell’8%
  1575. Scorte di diesel in picchiata in Europa e negli Stati Uniti
  1576. Scorte di petrolio in calo oltre le attese
  1577. Scorte petrolifere in rapida discesa grazie a Europa e Usa
  1578. Scorte Usa in calo e petrolio in ripresa
  1579. Se il gas naturale è la materia prima sale più di tutte
  1580. Se il petrolio va a 100 dollari occhio ai prezzi e alla Bce
  1581. Se il Texas diventa la nuova frontiera del greggio
  1582. Sechin: l’Opec pensi alla exit strategy
  1583. Sefcovic: un patto del gas tra Ue, Russia e Ucraina
  1584. Segnali d crisi per lo shale oil Usa. Mancano fondi e la geologia tradisce
  1585. Segnali di svolta per il petrolio. Il Brent risale oltre 50 dollari
  1586. Settimana Ue: il gas nel trilaterale Ue-Russia-Ucraina
  1587. Sfida verde dell’Europa al mondo: mille miliardi, neutralità Co2 nel 2050
  1588. Shale oil alle prese con un’impennata dei costi di estrazione
  1589. Shale oil come il carbone. Bnp smetterà di finanziarlo
  1590. Shale oil, scoperto in Texas il più grande giacimento Usa
  1591. Shell raddoppia l’utile 2017
  1592. Shell, Eni e Total: sfida sulle rinnovabili
  1593. Shtokman, Total cede la sua quota a Gazprom
  1594. Si al petrolio, no al green
  1595. Si cerca intesa sul gasdotto Tap
  1596. Si estrae troppo greggio e in mare ritornano le petroliere-magazzino
  1597. Si farà il gasdotto del Mediterraneo di Edison e Depa
  1598. Si ferma il gas russo via Nord Stream
  1599. Si ferma l’ascesa del petrolio
  1600. Si rafforza l’ipotesi di “stretta” Fed. Il petrolio Wti torna sopra 50 dollari
  1601. Sicim all’opera sul gasdotto Messico-Usa con Scozia e Iraq tre gare da 200 milioni
  1602. Sicurezza, gas e occupazione al G7 dell’Energia di Roma
  1603. Sinopec, in discesa l’utile semestrale
  1604. Siria, Is conquista ultimo campo petrolifero governo
  1605. Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica
  1606. Snam bloccata da Francia e Spagna: bocciato lo Step
  1607. Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover
  1608. Snam compra la greca Desfa
  1609. Snam e Fluxys soci unici di Interconnector Uk
  1610. Snam firma un accordo con Eni per sviluppare le stazioni a metano
  1611. Snam guarda a Gas Connect e Thyssengas
  1612. Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc
  1613. Snam in corsa per il controllo della greca Desfa
  1614. Snam in gara per il 49% di Gas Connect Austria
  1615. Snam in pole nella privatizzazione di Desfa
  1616. Snam potrebbe acquistare il 17% della greca Desfa
  1617. Snam prende Tep con l’obiettivo di de carbonizzare
  1618. Snam sbarca nel Golfo. Operazione da 8 miliardi nella rete gas di Abu Dhabi
  1619. Snam si affianca a UniCredit per Gas Connect Austria
  1620. Snam tra la Grecia e Gas Natural
  1621. Snam, a febbraio ok di Bei al Tap
  1622. Snam, conto alla rovescia per l’avvio in Francia del gasdotto Gascogne-Midi
  1623. Snam, dal Golfo alla Cina
  1624. Snam, il mercato unico del gas debutta in Francia
  1625. Snam, il piano decennale di Tigf per la rete francese all’esame dell’Authority
  1626. Snam, in arrivo i primi fondi Ue per il Midcat
  1627. Snam, in arrivo l’offerta per Desfa
  1628. Snam, intesa per rete gas in Ucraina
  1629. Snam, la partita per Desfa slitta a inizio 2018
  1630. Snam, Madrid sblocca il gasdotto con la Francia
  1631. Snam, nella corsa a Desfa restano in tre
  1632. Snam, nuova tappa per il «reverse flow»
  1633. Snam, passaggio in Grecia per l’Europa unita del Gas
  1634. Snam, sì di Bruxelles al piano del gasdotto Tap
  1635. Snam, sprint sul gasdotto Francia-Spagna
  1636. Snam, stretta finale sul mercato unico del gas in Francia
  1637. Snam, Tigf incassa l’ok a piano 2016
  1638. Snam-Albgaz, parte jv per il gas in Albania
  1639. Snam. Riviste al rialzo le guidance 2018 su profitti netti e costo del debito
  1640. Snam: Tigf incassa l’ok dell’Authority al piano 2017
  1641. Snam: vertice con Gazprom
  1642. Snam: via al “reverse flow” del gas
  1643. Sonatrach e Saipem fanno pace
  1644. Sonatrach sigla contratto con Total e Repsol
  1645. Sono gli Usa, non l’Opec il faro del petrolio
  1646. Sorpresa, frena il CO2 “Il mondo ha imparato a inquinare meno”
  1647. Sotto il sole americano
  1648. Speculazione in campo, rincari record per la CO2
  1649. Starace a New York rilancia sulle rinnovabili
  1650. Stati Uniti all’assalto dei mercati petroliferi: esportazioni da record
  1651. Stati Uniti e Canada vietano le trivelle nelle acque dell’Artico
  1652. Stop a Nord Stream 2, Gazprom è sola
  1653. Stop al carbone da Bnp
  1654. Stop russo ai negoziati sul Turkish Stream
  1655. Strasburgo vuole riformare il mercato energetico
  1656. Stressato da Trump, l’Opec teme un ritorno alla sovrapproduzione.
  1657. Sul Forties è “forza maggiore” ma i prezzi non decollano
  1658. Sul gas la Ue vuole “solidarietà obbligatoria”
  1659. Sul petrolio incombe il rischio di nuove sfide tra i produttori
  1660. Sul petrolio incombono le tensioni Usa-Iran
  1661. Sul petrolio l’ombra della crisi in Venezuela
  1662. Sul petrolio pesano di più delle scorte
  1663. Sul petrolio pesano le sanzioni contro Venezuela e Iran
  1664. Sull’ottovolante Saipem
  1665. Sulla conferenza di Parigi l’ombra di Big Oil la sfida è sull’addio all’era di gas e petrolio
  1666. Svolta in Europa: le rinnovabili superano i combustibili fossili
  1667. Svolta nella disputa sul gas in mare. Libano e Israele trattano sui confini
  1668. Svolta Usa, sono esportatori netti di gas
  1669. Tagli alla produzione e maltempo in Usa. Petrolio a 70 dollari
  1670. Tagli efficaci e tensioni in Africa. Il petrolio punto a quota 100 dollari
  1671. Tagli Opec necessari per tutto il 2017
  1672. Tajani alla Turchia: provocazione inutile
  1673. Tangenti in Algeria, il gup chiede il processo
  1674. Tap vara l’aumento di capitale
  1675. Tap, “il gasdotto è completo”
  1676. Tap, a Bonatti la posa dei tubi onshore in Grecia
  1677. Tap, al via i lavori preliminari per il gasdotto dell’Adriatico
  1678. Tap, Albania e Grecia già oltre il 50%
  1679. Tap, chiuso project financing da 3,9 mld €
  1680. Tap, collegato il tratto offshore in Albania
  1681. TAP, Gazprom? Siamo aperti a tutti i fornitori
  1682. Tap, più vicini i prestiti Bei-Bers
  1683. Tap, Saipem costruirà il tratto offshore
  1684. TAP, Siemens fornirà sei turbocompressori
  1685. TAP: max 5 miliardi di mc/a fino metà 2021
  1686. Tariffe gas Germania e Francia, l’Italia scrive a Bruxelles
  1687. Tariffe gas: Arera incontra i regolatori tedesco e francesce
  1688. Tariffe trasporto gas, Acer valuta un tetto ai moltiplicatori
  1689. Tariffe, aumenti per la luce Gas meno caro (-2,7%)
  1690. Tassa sul carbone, Parigi ci ripensa
  1691. Technip taglia 6.000 posti di lavoro
  1692. Temono che si trovi il petrolio in Portogallo
  1693. Tempa Rossa, il petrolio viaggerà in autobotte
  1694. Tempa Rossa, persi 1,3 miliardi
  1695. Tensione Roma-Ankara per la piattaforma Eni bloccata dai turchi
  1696. Tensioni geopolitiche s’infiltrano tra le quinte del vertice Opec
  1697. Terna presenta con F2i l’offerta per la greca Admie
  1698. Terna punta a crescere in Sud America
  1699. Texas, la tempesta Harvey ferma anche le raffinerie
  1700. Tigf studia un nuovo gasdotto tra Francia e Spagna
  1701. Timori sui tagli Opec, il barile a 50 dollari
  1702. Tobruk, provincia di Mosca: accordo con Rosneft per investimenti sul petrolio
  1703. Tonfo dei greggi dopo aumento scorte in Usa
  1704. Total
  1705. Total avverte: esenzioni o lasceremo l’Iran
  1706. Total compra Maersk per 7,45 miliardi
  1707. Total e Shell chiudono trimestre con utili record
  1708. Total nel Mare del Nord cede asset per 900 milioni
  1709. Total si rafforza nel gas scisto negli Usa
  1710. Total, intesa in Iran da 5 mld$
  1711. Tra dazi, spread e petrolio il rischio resta dietro l’angolo
  1712. Tra due anni il nuovo gas egiziano
  1713. Tra Ue e Giappone alleanza per il Gnl
  1714. Trading gas in aumento al Psv
  1715. Trading gas in discesa al Psv
  1716. Trafigura sigla contratta per Gnl
  1717. Transitgas, così le cessioni Eni nel quarto trimestre
  1718. Transitgas, offerta di capacità da Germania e Francia
  1719. Transitgas, offerta di capacità da Germania e Francia
  1720. Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione
  1721. Trattativa Russia Ucraina per il gas
  1722. Tre gradi e mezzo di caldo in più. L’intesa sul clima è già fallita
  1723. Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio
  1724. Triplo allarme per il petrolio: a picco su Cina, Grecia e Iran
  1725. Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan
  1726. Trump contro Opec, giù il petrolio
  1727. Trump l’antiecologista tira dritto sul carbone. Ma la sfida è con la Cina
  1728. Trump punta al gas libico e offre all’Italia pozzi nel Golfo del Messico
  1729. Trump sfida Putin e gli sceicchi. Nel 2019 sarà il re del petrolio
  1730. Trump twitta e il petrolio sale
  1731. Trump: shale e carbone pulito nei primi 100 giorni
  1732. Turchia, regolari i flussi di greggio e gas
  1733. Turkish Stream incassa i primi permessi
  1734. Turkmenistan vive sul gas che non sa a chi vendere
  1735. TurkStream, "scelta rotta dei Balcani". Per fornire Italia valuta swap con TAP
  1736. Ue in missione in Russia sull’energia
  1737. Ue, 200 milioni per i collegamenti transfrontalieri
  1738. Ue, 217 milioni per le interconnessioni
  1739. Ue, a giugno strategia per l’idrogeno
  1740. Ue, assegnati 150 milioni per le interconnessioni
  1741. Ue, consultazione per revisione direttiva Fer
  1742. UE, due bandi per progetti d’interesse comune
  1743. Ue, ecco il nuovo SET-Plan
  1744. UE, futuro passa anche da transizione energetica
  1745. UE, l'Est Europa chiede sostegno per il gas
  1746. Ue, nel 2014 aumenta la dipendenza energetica
  1747. Ue, ok a investimento 263 mln € per infrastrutture energetiche
  1748. Ue, slittano i Piani nazionali su energia e clima
  1749. Ue: controllo preventivo sugli accordi intergovernativi sul gas
  1750. Ue: pre accordo sul gas Mosca-Kiev
  1751. Ue: via libera a Ge su Alstom, Ansaldo ottiene le turbine
  1752. Un anno dopo l’aumento il piano di Saipem non decolla
  1753. Un arbitrato sblocca l’export di gas dall’Egitto per l’Eni
  1754. Un cartello ancora una volta in ordine sparso
  1755. Un gasdotto Russia-Italia potrebbe non essere utopia
  1756. Un segnale a Big Oil ora le Borse sono pronte a spostare i soldi sull’energia pulita
  1757. Una maxi-intesa sul metano. La Sfida di Russia e Giappone
  1758. Una mossa che guarda all’Europa e al futuro energetico dell’Italia
  1759. Una partita energetica cruciale per l’Italia
  1760. Unione energetica, il tentativo di Bruxelles di avere una voce sola
  1761. Upstream Angola, nuova scoperta Eni
  1762. Upstream Egitto, BP avvia produzione da Taurus e Libra
  1763. Upstream Eni, nuova licenza esplorativa in Egitto. Le autorità egiziane estendono le concessioni
  1764. Upstream Iraq, presto operativi i pozzi di Ninive
  1765. Upstream Libia, apertura a nuovi investimenti stranieri
  1766. Upstream Libia, riprende a pompare Abu al Tifl
  1767. Upstream Mozambico, accordo Eni-Qatar Petroleum
  1768. Upstream Norvegia, scoperta offshore Eni
  1769. Upstream offshore, Cipro esporterà gas in Egitto
  1770. Upstream offshore, Saipem inventa il "tappo" d'emergenza
  1771. Upstream Siberia, nuova jv Rosneft-BP
  1772. Upstream, a Eni 13 licenze esplorative in Norvegia
  1773. Upstream, DNV: priorità alla riduzione dei costi
  1774. Upstream, Kuwait allarga la presenza all'estero
  1775. Usa alla guerra del petrolio. A rischio l’equilibrio Opec
  1776. Usa sfidano con l’export i big di petrolio e gas
  1777. Usa, Obama lancia l'oil tax
  1778. Usa, settore energetico continua a soffrire
  1779. Usa-Russia, prove d’intesa anche su petrolio e gas
  1780. Utili record per i petrolieri grazie al bonus di Trump
  1781. Utility, l’effetto petrolio comprime i fatturati
  1782. Vacilla l’intesa di Total in Iran
  1783. Venezuela alla canna del gas
  1784. Venezuela, come sprecare il grande tesoro petrolifero
  1785. Venezuela: “tagli anche per i Paesi Opec”
  1786. Via col vento, Petrolio, Addio
  1787. Via libera all’oleodotto di Keystone Ribaltata la politica verde di Obama
  1788. Via libera alle regole sui gasdotti extra Ue
  1789. Via libera di Bruxelles alla fusione tra Shell e Bg
  1790. Vicina la svolta per l’oil
  1791. Vw, l’ex ceo sapeva già da luglio
  1792. Wall Street scommette sulle società del petrolio e prevede prezzi in salita
  1793. Woodside Petroleum, offerta da 7,2 miliardi euro per Oil Search
  1794. Wti supera 65 $ dopo 3 anni, Brent oltre quota 70
  1795. Zohr, Rosneft verso export gas in Europa e Medio Oriente

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tutta l’energia al ministero della Transizione ecologica

La bozza del DL di riordino dei ministeri all’esame del pre-Cdm con all’interno anche la creazione del Comitato interministeriale
[leggi tutto…]

Quella linea trasversale delle fonti rinnovabili

Tra le novità del governo Draghi, un ministero per la transizione ecologica con portafoglio, assegnato a Roberto Cingolani, fisico e scienziato che negli anni scorsi ha dimostrato di saper gestire organizzazioni complesse come lo Human Technopole e
[leggi tutto…]

Stoccaggio gas, Mise pubblica decreto 2021-22

Il ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato oggi il decreto annuale, datato 12 febbraio, sull'assegnazione dei servizi di stoccaggio gas per il prossimo anno contrattuale 2021-2022
[leggi tutto…]